lunedì 23 settembre 2013

C.E.S.F.T. approved




Mi piaceva già la panigale 1200, anche se l'ho sempre considerata oltre che troppo costosa, troppo grossa, troppo potente, troppo veloce, e ovviamente troppo dotata di monobraccio.
Questa nuova versione mi piace di più, oltre al forcellone, che non capisco se sia il primo segno di pragmatismo tedesco o semplicemente una riduzione costi sulla ciclistica, anche per il motore, in una cilindrata più umana, ottenuta con misure (100mm x 57.2mm) che fanno pensare ad un motore che ama girare alto come dimostra la potenza massima dichiarata elevata ma comunque lontana dai 195cv della sorellona, una cifra che francamente mi sembrava un po' assurda per una moto con la targa.
Questa Panigale 900 la trovo bella, piu intelligente e senzaltro piu utilizzabile anche delle millone 4 cilindri, e per questo forse, piacerà a pochi, come al solito. Ho già sentito qualcuno lagnarsi per l'eliminazione del bellissimo monobraccio (un ingegnere meccanico...), qualcun' altro che abituato ad usare l'iPad anche per tirare l'acqua del cesso, lamenta una strumentazione senza schermo toccabile, altri una volgare pressofusione per il forcellone... Vabbè non siamo mai contenti, io non vedo l'ora di passare da Ingolstadt per farci un giro di prova.