venerdì 27 luglio 2012

Ducati Sport Veloce 3-1/2

Per non smentire troppo il nome del blog oggi presento un'altra bellissima special su base Pantah. E' opera di Marco, una nostra vecchia conoscenza che ci dimostra ancora una volta come con poca spesa e tanta passione si possano ottenere risultati davvero notevoli.

"Ed eccoci al termine dell’ultima fatica costata circa un anno di lavoro, tra prove e ripensamenti, montaggi e smontaggi, proposte e turbamenti. Nel garage, fondaco-officina, ma anche fucina e pensatoio, del grande Claudio, ecco partorita la Ducati Sport Veloce 3-1/2.
Questo restyling ha costato meno fatica del rispettivo eseguito nella 650, anche se, il montaggio del cupolino, proveniente da un Laverda 750, ci ha costretti a numerosi tentativi di posizionamento. L’occhio esperto di Claudio è risultato decisivo per approdare ad un risultato estetico, a mio avviso, estremamente bilanciato.
La meccanica resta quella della Cagiva Alazzurra 350, anche se a breve verranno montati i cilindri da 500 cm3. Preziosissimi i consigli di Sauro, per rimettere insieme e rendere più funzionale l’impianto elettrico.
Le forcelle Marzocchi da 38 mm sono state sostituite con le rispettive da 42 mm di un Paso, mentre gli ammortizzatori posteriori sono dei PP (Pavesi Pericle) ."

venerdì 20 luglio 2012

throwaway philosophy


Ho avuto l'impressione ( a dire il vero ce l'ho da parecchio tempo ) che le norme che limitano il numero di motori a stagione nel motomondiale, a furia di essere raccontate in televisione, stiano contribuendo a cambiare l'immagine che la gente ha dei motori.
Tanta gente cambia la macchina una volta raggiunti i 100000km iniziando a temere guasti e rotture varie, i meccanici di automobili sempre più di rado hanno modo di "rifare un motore", proprio perchè di solito le auto vengono rottamate ben prima che i motori possano considerarsi "finiti".
Il motore in sostanza, negli ultimi anni è passato da essere un'insieme di parti meccaniche ben conosciuto, quindi smontabile, revisionabile e riparabile in ogni sua parte, a un'unico oggetto ipertecnologico e per lo più misterioso, inesorabilmente inscindibile una volta uscito dalla fabbrica in cui è stato costruito. Un po' quello che siamo abituati a pensare di un microchip, un microprocessore, una resistenza o un relè, mentre in realtà un motore è ben altra cosa. Nonostante oggi siano totalmente gestiti dall'elettronica in ogni parte, sono ancora oggetti prevalentemente meccanici, quindi con un'anima, e come tali andrebbero trattati.

in foto: particolare dell' officina e magazzino ricambi di Anarky

venerdì 6 luglio 2012

mechanism

video
Durante un corso di aggiornamento per un cad 3D mi è stato dato come esercizio un meccanismo biella manovella. Non ho resistito, di bielle ne ho dovute mettere 2, e indovinate con che angolo...

martedì 3 luglio 2012

IL MIO CIMITERINO............ :-)



Oh, io questa vista la adoro... ieri sera quando l'ho visto fuori dalla finestra mi son sentito a casa!

Buongiorno a tutti!