martedì 17 gennaio 2012

NYC


from nydesmo

12 commenti:

  1. Fantastica, l'avevo già adocchiata sul web, tanto che appare nella slide del mio blog.
    Il fascino della serie F1 è qualcosa di magnetico, irresistibile. Unico. Ma perché non gli hanno dato un seguito credibile? Altro che sport-classic, questa è una Ducati!

    RispondiElimina
  2. Il problema è che le Sportclassic SONO anch'esse Ducati. Sono una delle prime espressioni della niù generescion di moto Ducati per il Ducatista del nuovo millennio: tanta fuffa e costi produttivi ridotti.

    Siamo piuttosto noi, a questo punto, ad essere diventati dei dinosauri, così abbarbicati alle nostre evidentemente errate vecchie convinzioni da guardare ancora moto come questa con gli occhi che si dedicano normalmente alle moto attuali. Poco importa se con una F1 messa così chiunque di noi o quasi sarebbe in grado di fare un culo come una capanna al 90% dei motoelettronici di oggi: siamo rimasti nel passato. E per quello che mi riguarda ci sto anche bene! :-)

    Ah... la cosa bella è che il Ducatista medio del 2012, quello figo da bicchiere di Desmorosso ordinato al Desmocaffè, oggi si prostra venerante al cospetto di una F1. Ammirato da cosa era capace di fare chi oggi produce la Multistrada 1200 già ai tempi delle moto d'epoca... :-)

    RispondiElimina
  3. Ancora credo che la distinzione fra moto moderne e moto d'epoca sia una cazzata.
    Fra la moto qui sopra e le moto fatte oggi c'è una differenza sola, che però è oggettivamente presente quindi non c'entra la nostalgia o il rincoglionimento, ed è che questa era fatta solo per andare più forte possibile e vincere le gare. L'idea era che una volta fatta una moto vincente la si vendeva anche. Oggi invece succede l'opposto.
    Direi anche che ho smesso di pensare a quanto sarebbe bello se facessero ancora moto così, francamente credo sarebbe impossibile, e comunque se uno la vuole, oggi c'è la possibilità di farsela, come ha fatto l'appassionato proprietario della moto qui sopra, che è anche meglio che andare a farsela vendere da un fuffastore qualsiasi.

    RispondiElimina
  4. Il guaio è che una F1 (Standard, Laguna Seca, Santamonica, Montjuic..)oggigiorno la trovi a cifre esorbitanti e purtroppo quando ne ho avuto la possibilità (la Santamonica di un mio amico, scomparso in un incidente sul lavoro alcuni anni fa)non me la sono sentita di acquistarla (ero troppo coinvolto emotivamente). Mai dire mai però...

    RispondiElimina
  5. Ciao sburbiz, si in effetti le quotazioni di una F1 vera ora sono impossibili, io mi riferivo alla possibilità di farsi una replica piu o meno fedele e piu o meno legale che oggi è possibile fare tutto sommato a costi accettabili se uno fa tutto da se e si compra le varie parti necessarie un po' per volta e senza voler a tutti i costi i particolari piu pregiati.

    RispondiElimina
  6. non si discute sulla sostanza della moto, ovvio.
    mi chiedevo solo se quel tipo di bikers che pensano che questa elettronica serva a qualcosa abbiano bisogno del ride by wire x scoparsi qualcuna o qualcuno.....

    RispondiElimina
  7. Antonio, mi sa che non ho capito la domanda, puoi esportla in maniera piu chiara? Ciao

    RispondiElimina
  8. .....i motoelettronici citati da enrico, quelli cioe' che pensano di vivere nel film matrix 2 la vendetta, mi chiedevo...
    quelli appunto che premono un pulsante e entrano in una nuova dimensione, o quelli che si accodano fedelmente e umilmente e umidamente agli istruttori federali regalando loro stipendi da operaio in una botta sola, fiduciosi nelle loro capacita' e affidando Loro perfino l'aggiustamento dei click delle sospensioni ( elettroniche e mappature) , ----dato che detengono nella scatola cranica una arma micidiale che forse un homo cromagnon potrebbe settare la loro moto con piu' dignita'.....-----
    o quelli che credono appunto che in questi 30 anni in ducati ( visto che la moto è ducati, ma il concetto è esteso a tutte le casate) dato che siamo di fronte ad una moto
    ( questa F1) emblematica del concetto di sostanza priva di idiozie elettriche... -----
    ebbene costoro avranno bisogno di un aiutino digitale che indichi la temperatura su un display x accoppiarsi? chi volesse un esempio di tale fine spiritualita' puo' andare su www.1098.it e deliziarsi, anche perche' io parlo sempre per dati di fatto e mai per astrazioni....

    RispondiElimina
  9. ps
    ... no perche' anche a me è stato dato dello sfigato per aver preso una bimota sb8r nuova invece di sbavare per la nuova creatura uscita dalle officine bolognesi....e per essere portatore delle istanze a due tempi con una moto obsoleta che ha meno di 100 cavall iallaruota, ... ...e allora ho capito di aver fatto davvero grandi passi in avanti davvero.

    RispondiElimina
  10. Ok, ora è chiaro.
    Mahhh... l'argomento è vasto, non saprei esattamente che dire, io come ho sempre detto, non trovo che l'elettronica sia per forza negativa, ma in una sportiva preferisco avere un motore gestibile (in una buona ciclistica) piuttosto che una gestione elettronica di un'esagerazione di cavalli e coppia (messa in un telaio di cartone). A parte questo quello che ti ha dato dello sfigato per aver scelto l'SB8 invece della 111999... lasciamo perdere, tanto magari è uno che venera l'ultima uscita a priori senza farsi troppe domande, contento lui.

    RispondiElimina
  11. beh se dovessi leggerti e riportarti cio' che leggo scritto da alcuni tester di moto su una rivista non italiana, dicono esattamente che le elettroniche non servono a nulla....riporto...

    1 livelli di trazione: piu' è forte, meno vi fa andare, meno e forte, piu' andate forte...
    2 ...quando accelerate nelle marce basse, il sistema vi aiuta un po', poi sembra lasciar perdere...( kawasaki zxr 1000)
    3..funziona solo con le pirelli di serie...----ai livelli piu' alti sembra di comunicare coi corpi farfallati come come " attraverso un cellulare con poco segnale".... al livello piu' basso , invece, la 1198 si comporta come si deve ( e allora a che cazzo serve?) ....
    4 il sistema DTC ...risposta all'acceleratore un po' strana ( ducati 1198)
    ... e potrei continuare con le altre moto.... per cui della loro utilita' nutro forti dubbi, sicuramente. quando anche dei giornalisti lo ammettono a denti stretti vuol dire forse che non ci siamo.
    sul discorso dello sfigato, è palese che da ignorante come ero io quando consideravo una eccessiva passione per moto passate una manifestazione di inferiorita', adesso è sicuramente un ribaltamento della situazione. effettivamente un ignorante non comprende come mai invece di spendere dei soldi su una ninja o bmw nuova di zecca si possa scegliere un'altra moto e addirittura di anni fa...ovviamente il discorso vale per una sb8r, per una F1 , o per quei mezzi che hanno in se' qualcosa che solo guidandoli si puo' descrivere a chi non puo' farlo. per cui è proprio un fatto culturale, c'è chi ha la possibilita' e lo stimolo per andare oltre, c'è chi accetta supinamente la verita' indotta..e questo è molto grave in genere. purtroppo alla fine si va a finire inevitabilmente in questo dualismo che è solo una invenzione dei pubblicitari, ma io inizio a credere addirittura che i controlli elettronici per una persona inesperta siano un pericolo addirittura.

    RispondiElimina
  12. Se parliamo di controllo di trazione sono perfettamente daccordo con te, la mia affermazione sull'elettronica in generale è riferita a cose tipo ABS, che su strada secondo me ha la sua utilità.
    La tua affermazione finale sulla eventuale pericolosità del TC per un inesperto la trovo pienamente condivisibile, credo che certi aggeggi possano portare un motociclista in erba ad esagerare, fidandosi alla cieca, e questo credo possa essere dannoso sia per la guida che per la salute.

    Tipo quel tizio che aveva montato il freno posteriore con l'antisaltellamento sull'SS ... ma questa bisogna che la racconti Enrico che fu spettatore dell'evento.

    Purtroppo la maggior parte dei giornalisti italiani tende a non parlar male mai di niente che sia in vendita, la situazione all'estero non la conosco.

    RispondiElimina