lunedì 26 settembre 2011

"Il Senior" - parte terza e ultima


Questa foto la scattai l'anno scorso. Ero capitato da Rinaldo Angiolini per altre cose e avevo visto sul banco da lavoro la 60 appena finita di restaurare; non avendo altro che il cellulare, feci qualche foto e la pubblicai qui..
Quando la vide, l'amico Marc mi contattò e mi chiese di tornare da Rinaldo per fare qualche foto "vera" dato che della 60 non ne aveva da inserire nel libro a cui stava lavorando. Feci le foto e dopo averle pubblicate qui le mandai a Marc e quasi per caso le portai insieme ad altre da un amico fotografo: lui vide questa e gli piacque. La 60 in primo piano e Rinaldo, uomo schivo e poco incline alle "pose", preso quasi per caso. Mi fece un ingrandimento che mi proposi di regalare a Rinaldo in segno di riconoscenza per la disponibilità che mi aveva sempre dimostrato. Il libro di Marc nel frattempo era stato pubblicato e Sauro se n'era procurata una copia in più da portare proprio a Rinaldo. Un po'per mancanza dell'occasione di andare fino a Montepulciano insieme, un po'per la solita brutta abitudine di rimandare, è passato quasi un anno e da Rinaldo non ci siamo più andati.

La cosa brutta è che abbiamo fatto tardi e l'abbiamo saputo solo oggi. Al di là della sconfinata competenza tecnica di questo grande vecchio della meccanica bolognese, a me resta il ricordo di un uomo di incredibile modestia e di grandissima disponibilità, oltre che di una simpatia fuori dal comune. L'importante nozione tecnica secondo cui ai cuscinetti del cannotto di sterzo ci sta attaccato l'osso del collo l'ho appresa da Rinaldo, e potete star tranquilli che non me la dimentico.

Grazie di tutto, davvero...

7 commenti:

  1. La maestria degli artigiani d'un tempo, il loro sapere, le loro astuzie e arguzie dovrebbero essere cose da salvaguardare. Invece gli artigiani lavorano con fatica, sudano sette camicie e spesso e volentieri sono costretti dopo una vita di sacrifici a gettare la spugna o ritirarsi. Il vostro amico non ne ha avuto il tempo e spero che almeno parte del suo sapere sia stato raccolto da qualcuno e non sia perduto per sempre. Se vogliono dare un segnale a questo paese di m...a si ricordino di dare i mezzi o gli incentivi ai giovani e ai vecchi artigiani per poter tramandare qualcosa di magico, di grande. Non ho avuto il piacere di conoscerlo, ma mi unisco a voi.

    RispondiElimina
  2. accidenti....continuo a pensare che per far fuori noi ducatisti incalliti abbiano iniziato dai guru della meccanica!! Un altro pezzo da novanta ci ha lasciato :-((

    RispondiElimina
  3. Peccato di non avere potuto incontrarlo... Si perde una piccola parte della storia ogni volta che uomini come lui ci lasciano.

    RispondiElimina
  4. Marc, se può consolarti, suo figlio Leonardo ha molto apprezzato il tuo libro che Sauro gli ha fatto avere... e in quel libro c'è anche una piccola testimonianza della bravura di Rinaldo.

    RispondiElimina
  5. Grazie per il bellissimo ricordo del mio mitico nonno Rinaldo,
    Veronica

    RispondiElimina
  6. Veronica, grazie a te di essere passata! Tuo nonno era veramente un mito, sì... :-)

    RispondiElimina