sabato 20 agosto 2011

LA SCOPERTA DELL'ACQUA CALDA





E' risaputo che gli americani di moto non capiscono una mazza. E che la BMW è invece la Casa motociclistica che più negli ultimi anni si è distinta per innovazione e capacità di apportare tecnologia.

A testimonianza di tutto questo, i teutonici hanno recentemente presentato la loro touring per eccellenza: sei cilindri in linea, 1600 di cilindrata, elettronica a secchiate... 319 chili a secco di peso. E a testimonianza della loro arretratezza alcuni rincoglioniti americani stanno invece allestendo quella che si chiamerà Motus MST e sarà la sport-touring a stelle e strisce. Una moto fatta a forma di moto, con due borse laterali, un cupolino protettivo e stop. Gli stessi 1600 cc di panciuta cilindrata, ma ricavati in modo molto rustico tagliando in due (con il seghetto?) un classico V8 automobilistico e costruendici attorno una moto tanto semplice da sembrare antiquata. Un telaio a traliccio bello come il sole, un motorone grosso e tanto ignorante che da sotto quella semicarenina semplice semplice pare ti dica "cazzo guardi?" ogni volta che ci butti un occhio... siamo proprio sicuri che siano fuori strada?


Siamo proprio sicuri che ci vogliano più di 3 quintali di moto per andare a più di 50 chilometri da casa? Forse il paragone con la K1600 non è proprio azzeccatissimo, lo riconosco... ma anche se la destinazione d'uso è più prettamente turistica rispetto a quella della Motus in fondo la cilindrata è quella, e proprio per questo mi è venuto in mente questo faccia a faccia che poi è una riflessione su quello che realmente ci è utile per andare in giro con soddisfazione in sella a due ruote.


La Motus sarà una moto vecchia appena verrà presentata. Il sito non parla di controllo elettronico di trazione, anti-impennata, anti-piacere di guida: è una moto e come tale andrà guidata. Duecentoquaranta chili di ghisa americana, e cazzi di chi non saprà come gestire i quasi 17 chilogrammetri di coppia a 4500 giri accoppiati agli stessi 160 inutilizzabili cavalli di potenza massima del motore tetesko.


Siamo sempre e comunque nell'ordine del "troppo", ma io in questa Motus riconosco di nuovo la Moto con la M maiuscola, qualcosa che mi ricorda che in fondo esiste ancora l'essenza del concetto e che basta che qualcuno abbia la voglia di tirarla di nuovo fuori. Probabilmente sono stanco del "troppo", e in questa moto rivedo in qualche modo, pur se con le dovute proporzioni e alle dovute distanze, le vecchie Ducati ST e quello che mi sarebbe piaciuto fossero diventate. Moto turistiche senza strabordi, con un motore semplice, affidabile e economico nei consumi, e con una ciclistica classica ma comunque funzionale. Provate a pensare a quella Motus con un Desmo2 in mezzo al traliccio e ditemi se non vi viene da piangere a pensare che oggi l'acqua calda la scoprono gli americani...

25 commenti:

  1. Che cosa intendi, scusa?

    Queste frasi buttate lì senza uno straccio di spiegazione del proprio pensiero francamente mi lasciano sempre un po'senza parole. Anche perché magari quel che penso di aver capito io non è quel che volevi intendere te.

    Ma se ne può parlare...

    RispondiElimina
  2. Questa Motus mi sembra una semplice (anche il motore che é un'aste e bilancieri ) sport touring come eramo le Ducati, le Triumph sprint St, alcune BMW ecc.
    Ormai non interessano piu a nessuno a parte pochi rincoglioniti, la maggior parte dei motociclisti preferirebbe andare in treno, quei pochi invece inizieranno ad andare in treno perche lo preferiscomo a una diavel a una ipermodard o ad una assurda K1600 o Gtr1400. Credo.

    RispondiElimina
  3. Trenitalia comunque ringrazierà l'industria motociclistica! :-)

    Se quella GTR1400 che a me piace tanto fosse magari 1000, avesse 40 cavalli in meno e pesasse 50 chili in meno sarei sicuramente più contento, e posso fare lo stesso ragionamento anche per la mia attuale BMW. Purtroppo la direzione in questo momento è quella, ma chissà che un giorno non tocchi a tutti ridimensionare le proprie pretese e tornare a quando le moto "grosse" erano le 750.

    Resta di fatto che io sono un rincoglionito e questa Motus la considererei molto volentieri...

    RispondiElimina
  4. mi tengo la mia orribile tdm arrivo dove la 1600 a stelle e strisce....... e se me la rubano ne compro una più vecchia.......

    RispondiElimina
  5. Pare di sì, Sauro: hanno già i prototipi che girano per strada. Se poi riusciranno a metter su una rete di vendita e soprattutto di assistenza per far sì che tutto questo non resti una pazzia impolverata in un magazzino non lo so... ma ci stanno provando.

    Che poi con un TDM si arrivi dove si arriva con questa, con una K1200 o una K1600 o una qualsiasi moto nuova e costosa siamo d'accordo, Mirko. Ma se è vero come è vero che per un motociclista la mèta è il viaggio (e mai frase fatta e banale è stata più vera, almeno nel mio caso), allora un po'di soddisfazione di guida e, perché no, di possesso, val bene la spesa. Sempre e comunque nel mio caso specifico e senza mai fare il passo più lungo della gamba...

    RispondiElimina
  6. cmq nn credo che un 1600 4cilindri a v lo regalino....ogni modo finalmente una moto che somiglia a una moto......

    RispondiElimina
  7. Questo era ciò che volevo evidenziare, Mirko.

    Credo sarà il motivo del suo probabile insuccesso...

    RispondiElimina
  8. Peccto per quella forcella, ma il resto mi piace parecchio.

    RispondiElimina
  9. Complice un casino con la carta di credito che è venuto fuori con il loro webshop (volevo comprare una maglietta...) sto diventando grande amico del capoccia... :-)

    Secondo me lavorandoci un altro poco gli posso anche chiedere se te la leva... :-)))

    RispondiElimina
  10. Almeno fagli presete che é una merda e che da almeno 30 anni c'é in giro di meglio.

    RispondiElimina
  11. Dai... ancora magari è un po'prestino. Magari prima si prova a invitarlo a cena.

    Vieni anche te?

    RispondiElimina
  12. boh ,scavalcato l'appenino mi sono fatto 3 giorni gironzolando per strade basse in toscana . io il mio px e la mia donzella, bè e stato bellissimo. NB cilindrata 125

    RispondiElimina
  13. Sì, ok... va bene il TDM e va bene anche il Vespone 125: si fa tutto con tutto e non sono qui a dire il contrario.

    Però se tralasciamo il lato poetico di certe esperienze e non vogliamo per forza arrivare a moto enormi, pesantissime e inutilmente ultrasofisticate come appunto la BMW 1600... si possono considerare anche molte cose intermedie. Proprio quelle che il mercato oggi non offre.

    Hanno cuore di presentarci le Suzuki Bandit Traveller, le Honda CBF o le Yamaha Fazer... son tutte soluzioni più o meno economiche per andare in giro, ma sono anche tutte moto con la personalità di un ferro da stiro. Sicuro che la Motus non costerà quanto una CBF, ma porco cane se ha carisma...

    RispondiElimina
  14. Si si vengo anch'io se mi ci vuoi.

    RispondiElimina
  15. Avendo culo, a cena con l'ammmmericano ci si va davvero. L'ho appena chiamato e ci ho fatto quattro chiacchiere. La moto la fanno... cazzo se la fanno! E la portano all'EICMA a Milano!

    E dopo averla messa in vendita la prossima primavera in Ammmmerica, cercano un importatore per venderla anche in Europa. Però m'è mancato il cuore di chiedergli a quanto pensano di venderla... :-)

    RispondiElimina
  16. scusate ma di che caxxo state parlando?
    w la honda goldstar, almeno ha l'autoradio e il frigobar

    RispondiElimina
  17. Dai Antonio... non essere estremista! :-)

    Alla Goldwing ci arriveremo presto, ma ancora dacci l'illusione di poter avere qualche velleità sportiveggiante!!! :-)))

    RispondiElimina
  18. no dai..!!! vi voglio tutti al bar col diavel

    RispondiElimina
  19. E aspetta che ce li consegnino! :-)

    E poi non lo sai che il Diavel in mezzo ai tornanti va meglio di un supermotard? Io l'ho comprato appppposta!

    RispondiElimina
  20. cito la pubblicita' della diavel ducati :
    ... Diavel...scomparire in un attimo...
    e aggiungerei : per la vergogna!!!

    scherzi a parte, sul tema moto poderose da sportturismo, anche se non le apprezzo molto, hanno un buon senso invece x chi fa km, ovvio. se dovessi andare sul genere , prenderei sicuramente la Triumph Rocket III, 2600 cc ...anche se non è proprio il genere citato nel post, è l'unica eccezzione che farei per attraversare l'europaseduto cristianamente

    RispondiElimina
  21. La Rocket 3 la provò il nostro amico Benzina, e tutte le volte che ne parla gli vengono gli occhi a cuore come nei cartoni animati giapponesi. A me a dir la verità le custom/cruiser non dicono proprio nulla, ma poi son gusti; piuttosto avrei dei dubbi sul fatto che sia veramente comoda, e questo a livello oggettivo e non soggettivo...

    Tornando alle sport-touring, in fondo qui in tanti vorremmo semplicemente una moto a forma di moto, senza tante cazzate da videogame ma ben fatta e affidabile. Personalmente il mio ideale sarebbe una 1000 bicilindrica sui 120 cavalli (ma me ne basterebbero meno di 100, in fondo), con un peso sui 200/220 chili al massimo, sospensioni e freni magari anche semplici ma di sostanza. Vorrei una carena bella protettiva ma non esagerata, magari con un parabrezza a regolazione elettrica, una sella comoda anche per due e un set di borse solide, capienti, impermeabili e con attacchi al telaio non troppo vistosi. Il tutto da poter comprare sui 12000 euro, che non mi sembrano nemmeno pochi soldi. Ma sono circa un terzo in meno di quel che per esempio chiede BMW per una K1300 o Kawasaki per una GTR, che tra l'altro non hanno nemmeno tutte le caratteristiche che mi interesserebbero...

    RispondiElimina
  22. La stessa per me Enri, e con un bel bibraccio !

    RispondiElimina
  23. Marc... il bibraccio lo davo per scontato dicendo che vorrei una moto a forma di moto... :-)))

    RispondiElimina