mercoledì 17 agosto 2011










8 commenti:

  1. Non avevo capito il senso del post fin quando non ho aperto un altro sito imbattendomi nella bruttissima notizia. Ci lascia un grandissimo appassionato; senza di lui quella Ducati che oggi si fa bella della propria storia ma sotto sotto rinnega le sue scelte coraggiose forse non esisterebbe nemmeno.

    La mia Superlight era figlia della sua gestione, e da oggi rimane idealmente orfana di tanto padre. Comunque grazie...

    RispondiElimina
  2. Una grandissima perdita... Addio Claudio! :'(

    RispondiElimina
  3. fiero dia vere un 851 e un 916 della sua era in taverna.

    :(

    RispondiElimina
  4. che il nome ducati inizia a portare sfiga???? Se continua così contiamo i sopravvissuti :-(

    RispondiElimina
  5. In effetti non è per niente un bel periodo...

    RispondiElimina
  6. Mi sa che si sono messi daccordo.

    RispondiElimina
  7. L'ho ricordato anch'io sul mio blog. Un atto doveroso, senza il coraggio dei Castiglioni la Ducati probabilmente non esisterebbe più.
    Il mio Monster è nato anche dalle sue intuizioni. Ciao Claudio!

    RispondiElimina
  8. ciao cludio e grazie per i sogni che ci hai regalato.

    RispondiElimina