domenica 24 aprile 2011

Buona Pasquaaaaaa!


Stamattina si doveva andare in moto. Una bella rimpatriata, per pochi intimi: io con il Superlight alla prima uscita ufficiale dopo il lavorone di Sauro, Sauro appunto alla prima uscita ufficiale della stagione con la SP3, e Cigolla con la F4. Un trio di quelli tipici che quando si parte si parte per andare a spasso... e poi si finisce a fare a carenate tra i tornanti. Meno male che negli ultimi anni queste uscite sono rare. :-)
In ogni caso stani il tempo era una merda, la strada era fradicia, e non se n'è fatto di nulla; ci sono rimasto male, ma non ho voluto rinunciare a una uscitina pomeridiana solitaria. Non ho chiamato nessuno perché tanto per Pasqua l'unico che non cià un cazzo da fare sono di sicuro io... :-)

Comunque: prima uscita ufficiale della Superleggera progressiva. Uscendo dal garage ho avuto qualche problemino di avviamento che ha reso necessario tirare l'aria: problema che si è ripetuto anche a motore caldo dopo brevi soste, anche se non è niente di che...
In ogni caso sono partito per fare il solito giro di Chiantigiana. Nei primi chilometri mi sono tenuto piuttosto abbottonato: dovevo riprendere confidenza con un mezzo piuttosto diverso da ciò a cui sono abitutato, ma dopo una trentina di chilometri ho anche cominciato a non sentir più i ginocchi indolenziti dalla posizione di guida un po'da fachiro, segno che le cose miglioravano. Il progressivo lavora bene: assorbe meglio del cantilever gli avvallamenti più pronunciati ma non cambia sostanzialmente le caratteristiche di guida della moto. La sensazione è che il dietro sia leggermente più alto di prima, ma dovreste sentire il progettista per una conferma o una smentita. Il davanti continua a essere piacevolmente duretto nei cambi di direzione: non sarà il massimo per la maneggevolezza, ma dà tanta sicurezza in appoggio. Ciclistica promossa, insomma: niente a che vedere con i rimbalzoni del primo giretto di assaggio.

Se la ciclistica è promossa, il motore è da pieni voti. E' decisamente più "vispo" di prima, anche se non ha la velocità nel prendere i giri di quello di Sauro... ma quello mi sa che dipende da scarichi e carburatori originali che non possono certo fare miracoli. In ogni modo ora si va via di coppia con molta più facilità di prima: cambiando tra i 6 e i 7000 il motore mantiene il suo bel tiro e non c'è assolutamente bisogno di andare oltre. Giusto per vedere cosa succede, ho fatto la classica tiratina sul salitone prima di Castellina, vedendo senza difficoltà i 9000... e ce n'era ancora. Però il rodaggio è rodaggio... :-)

Tirando le somme, ero partito per fare 80 chilometri e ne ho fatti 150 a passo tutto sommato tranquillo ma decisamente piacevole. Ora però è il caso di farla finita che sennò divento prolisso barocco e orpelloso (poi dell'orpello se ne parla dopo...) per davvero e la mi'fidanzata mi rompe i coglioni... :-)

Alla prossimaaaaaaaa!

1 commento:

  1. allunga i manubri e aprili il più possibile ;)

    RispondiElimina