mercoledì 22 settembre 2010

Quattro giorni...


Stasera ho finalmente comprato un raccoglitore per CD: per quelle decine di CD che avevo sparsi per ogni dove e che puntualmente non trovavo mai. Un raccoglitore bello grosso, da oltre cento tasche: appena cenato son venuto giù e ho iniziato a riempirlo. Come ogni volta che si fanno pulizie, mi è capitato di imbattermi in cose che nemmeno ricordavo di avere, come per esempio il CD con le foto del motoraduno dello Stelvio anno 2004: il mio primo Stelvio.

Inevitabile rivederle, inevitabile pubblicare quella che ritengo la foto simbolo di quei quattro fantastici giorni. Fantastici perché il motoraduno dello Stelvio era veramente una cosa fantastica, fantastici perché non avevo mai visto prima le Dolomiti e in seguito sono diventate il posto che amo di più al mondo per andare a zonzo su due ruote, ma quattro giorni fantastici soprattutto perché sono stati il mio primo vero viaggio in moto. Se oggi il mototurismo è diventato il modo in cui più mi riconosco nel mio rapporto con la moto... tutto è sicuramente cominciato lì, in quei quattro giorni allo Stelvio. Quattro giorni di cui devo solo ringraziare Sauro e Luna, compagni e ispiratori di quel mitico viaggio di prova...

Grazie ancora!

12 commenti:

  1. Certi viaggi sono come le cicatrici......

    RispondiElimina
  2. Di nulla. Ci guadagnammo anche i ringraziamenti pubblici su motosprint.
    Non mi ricordo se questa foto è sul Gavia o sul Bernina.

    RispondiElimina
  3. Pubblicarono qualcosa di mio su motosprint? Sai che non me lo ricordavo?

    La foto, se la memoria non mi inganna,fu scattata da qualche parte sul Gavia o sul Tonale, anche se l'ambientazione fa un po'pensare al Bernina. Mi ricordo che tornammo dal Gavia e poi dal Tonale, e questa foto fa parte di quelle scattate l'ultimo giorno... anche perché le moto sono cariche di bagagli.

    RispondiElimina
  4. la foto è un bel quadro dove amici condividono qualcosa. io non farei mai una cosa del genere, anche perche' non ho la materia prima , dalle moto adatte alle amicizie giuste , pero' devo dire a proposito di questa attitudine dell'autore di questo post, che ricordo bene quei 4 verbi che citava in un precedente post. sara' un caso o meno , quei verbi si sono fissati in mente. poi dal girare paranoide in tondo ho scoperto che si puo' andare da polignano a mare a gallipoli in un tempo pari al momento del bagno di una donna media, magari passando per ostuni... certo io alle ginocchia in bocca e a altre cose non riesco proprio a rinunciare. anzi... pero' una volta vidi su un traghetto per la grecia gente in ninja che arrivava dall'irlanda, per cui...forse si puo' fare.

    RispondiElimina
  5. Antonio, te lo confermo: si può fare.

    E te lo confermo con il tono del Dottor Frankenstein in Frankenstein Junior di Mel Brooks, che sono sicuro avrai visto: SI - PUO' - FARE!!!

    Come avrai notato, al tempo di quella foto andavo in giro con la 900SS i.e., che non aveva certo una sua spontanea propensione al turismo, e quella è una delle cose che più ho notato quando ho rivisto per la prima volta le foto di quel giro. Moto sportiva, scomoda, bagagli messi in un sacco della spazzatura e fissati alla meglio sul codino con una corda elastica... e via. Oggi non so se lo rifarei perché mi sono abituato a una comodità di viaggio che forse mi è diventata irrinunciabile, ma ti giuro che la voglia di riprovarci è tanta e non è tutta dettata dalla nostalgia di un vecchio rincoglionito come posso cominciare a definirmi.

    D'altronde una moto altrettanto (se non di più) scomoda e inadatta ai viaggi ce l'ho, e la voglia di andarci qualche giorno in giro per le Dolomiti aumenta a ogni primavera che arriva. In fondo da casa mia al Mortirolo sono 400 chilometri, non 4000: tornando al Dottor Frankenstein... SI - PUO' - FARE!

    RispondiElimina
  6. se non la avessi radiata, sarebbe bello anche un giro larghissimo con la v2, ma per me e per la moto è meglio di no, rischierei di restare in panne chissa' dove. con la CBR si DEVE fare, troppo de gusto. devo solo sparire dal mondo per una settimanella.

    RispondiElimina
  7. HAI RADIATO LA V2???????????

    Epppperché, se mi posso permettere???????? Ok che la usavi poco e quelle poche volte ti costavano almeno due candele, ma radiare una moto non mi sembra sia mai una buona idea... tanto meno se quella moto è anche piuttosto rara. Poi, oh... basta andare all'ACI con i documenti della radiazione (si chiameranno radiografie???) e la targa si rifà... però...

    In ogni modo io a maggio/giugno prossimo un giretto in Superlight di tre o quattro giorni me lo faccio, mi sa...

    RispondiElimina
  8. volevo usarla solo in pista . poiche' funziona solo tra i 7000 e i 9000 giri, ogni volta che uscivo in strada sembravo un coglione esaltato esasperato...troppo scomoda x girarci in strada...va solo col gas spalancato e se non la usi col gas spalancato si rovina, chi la possiede lo sa . poi ha il motorino di avviamento che è delicato come un capello... se mi fermo per un caffe' rischio di rimanerci secco. 2 volte sono rimasto a piedi per essermi fermato a fare benzina. e siccome io a quella moto ci tengo ogni volta dovevo fare il gran premio tra le auto per non disturbare la sua preziosa carburazione e macchinazione. in pista è perfetta...apri e chiudi, come nelle migliori famiglie.... nessun problema. in strada poi ho rotto il cambio e non vorrei riprovarci. poi a 3000 bisognerebbe rilucidare i cilindri...meglio centellinare
    che grandissima stupenda eccezionale moto del cazzo...se mi si consente... con me nella tomba!!! per il giro chissa' un rendevouz sarebbe bello , magari se non mi porti sui bugigattoli di montagna riesco a starti dietro.

    RispondiElimina
  9. ps m isa che non la potrei neanche piu' reimmatricolare. fu immatricolata nel 2006 per vie traverse in lombardia, ormai è fuori.

    RispondiElimina
  10. Infatti, non è vero che basta tornare in motorizzzzzazzzzione con il foglio di demolizione. Se l'omologazione è scaduta, e quella della V2 è scaduta peggio della coscienza di un prete, l'unica è aspettare che passi i 20 anni d'età e fare la trafila per moto d'epoca.
    Secondo me hai fatto bene a radiarla

    RispondiElimina
  11. "che grandissima stupenda eccezionale moto del cazzo...se mi si consente...".

    Certo che ti si consente: per come l'hai descritta è la sintesi conclusiva più bella che potevi fare del discorso. Son quelle cose inutili e dannose che se le hai in casa non puoi che amarle alla follia.

    Ora ti capisco di più, grazie! :-)

    RispondiElimina
  12. purtroppo per preservarla al meglio, è necessario usarla cosi. poco e bene in pista. al momento sono quello che ha fatto piu' km con la v2 tra chi la possiede, e ha rotto di piu'. e ne faro' ancora. il fatto è che le mani le puo' mettere sopra solo a meda ( milano), sopratutto per revisioni. peccato. vederla ferma mi da un senso di vuoto. infatti ogni modifica delle sedute-pedane sulle altre moto mi sono accorto tendono tutte a lei...

    RispondiElimina