sabato 11 settembre 2010

Lo zen e l'arte della manutenzione della Motocicletta

Un po' di tempo fa mi è tornato in mente "Lo zen e l'arte della manutenzione della Motocicletta", credo in occasione del post sul libro di Crawford, capitò di parlarne con Mirko e la cosa finì li.
A volte mi capita di voler rileggere dei libri. Questo in particolare l'ho letto una volta sola, diversi anni fa ed in occasione di una degenza in ospedale particolarmente poco piacevole.
Qualche giorno fa, sono andato a trovare Anarky per capire se sta guarendo dalla clavicola fracassata ad Adria, e casualmente anche lui aveva in mano un'edizione del suddetto libro. Ne abbiamo parlato un po', abbastanza per capire che non mi ricordo nulla o non ho capito nulla di quello che lessi ormai 12 anni fa.
Ieri sera mi sono messo a cercare le 2 copie che ho in casa. Sono entrambe dello stesso editore, una del 1998 regalo del mio amico Giuseppe, e l'altra del 2009 regalo del mio amico Enrico. Per una strana coincidenza entrambe le copie sono legate ad Enrico, perchè nella prima custodisco un postit con l'autografo con dedica di Max Biaggi che Enrico mi portò all'ospedale e che io attaccai li per non perderlo.
Insomma, non ho detto nulla, ho parlato di un libro che parla anche di amicizia, e per farlo ho dovuto nominare ben 4 miei amici. Ora mi tocca rileggerlo per forza.

8 commenti:

  1. Ma pensa te... nemmeno io mi ricordo come ho fatto ad avere quell'autografo di Biaggi! :-)

    Però il libro che ho regalato a te lo comprai in due copie e la mia è ancora lì, mai letta. Che tocchi anche a me?

    RispondiElimina
  2. E CHE L'HAI COMPRATO PER FARE ARREDAMENTO?

    RispondiElimina
  3. è uno dei libri che mi sono promesso di leggere ! prima o poi lo farò !

    RispondiElimina
  4. è un libro splendido che mi ha cambiato...forse si parla troppo poco di moto rispetto a quanto avrei desiderato, però il fatto di essere un lettore motociclista è certamente un valore aggiunto...lo consiglio a tutti ma sappiate, per chi non lo ha letto, che certe volte può essere anche un po' impegnativo da capire...

    ne approfitto anche per fare i complimenti al blog che seguo spesso!

    RispondiElimina
  5. Sauro, hai presente quanto son belle le librerie nei negozi di arredamento, con tutti i libri belli in ordine sulle mensole? :-)))

    RispondiElimina
  6. Ciao pipol. Auguri a chi si è ripromesso di leggerlo, magari nelle brutte sere tarde d'inverno. Un culto, certo, che forse "bisogna" leggere ma...ragazzi, che palle. L'ho finito a stento, arrancando, in tempi in cui avevo anche più pazienza. Oggi lo lascio dove sta.

    RispondiElimina
  7. Concordo con Giuseppe: l'ho letto anni fa (se sei motociclista, ti tocca..), ma, a mio personalissimo parere, a parte qualche spunto, nel complesso mi è sembrato un inno all'orchite..
    Ps Sauro, un autografo di Max Biaggi con dedica "con simpatia" è palesemente falso..

    RispondiElimina
  8. :-)) l'autografo è autentico, casomai sarà stato fatto senza tanta sincerità, comunque non sono un tifoso di nessuno, quindi non è un gran problema, anche perchè sincero fu il gesto di chi me lo portò.

    RispondiElimina