giovedì 30 settembre 2010

F1 replica (904 944 980...)







Un signore belga (Red Fox) ha fatto un piccolo capolavoro di meccanica. Si tratta di una piccola serie di teste verticali montabili sui motori Ducati 904cc, con la "piccola" variante di avere i condotti di aspirazione e scarico invertiti (secondo me sono giusti così ed invertiti adesso) come sui motori Pantah F1 ecc. Questo particolare consente di fare un motore simil-F1 a 6 marce con cilindrata vicina ai 1000cc, ma più che altro risolverà a qualcuno il problema di reperibilità che ormai c'è per le teste F1 originali (valvole grosse e candele piccole).



C'è già chi ha fatto questo tipo di modifica, invertendo le valvole o girando la testa (ricostruzione alette, riempimenti con saldatura ...), ma questa testa ricavata dal pieno supera tutte le precedenti realizazzioni anche dal punto di vista estetico, in quanto il pezzo finito e verniciato è veramente bello e simile all'originale.



In Italia verranno i pruriti a chi corre nel campionato Classic Endurance ed ha qualche soldo da spendere (secondo il regolamento andrebbe modificato anche il cambio per privarlo di una marcia), oppure a chi ha voglia di farsi un giocattolino tipo questo sotto, e potendoselo permettere pretende la massima fedeltà.

Foto ed info: Marc Poels

18 commenti:

  1. Bellissima! Il fatto è che loro ci girano su strada e possono permetterselo, noi abbiamo già delle grane alla minima modifica. Secondo un nuovo art. 75 del Cds pare che autorizzino la sostituzione dell'impianto frenante originale (urca! Sai che roba..), salvo poi precisare che la carta di circolazione deve essere aggiornata (e giù palanche!). Beato chi non ha tutti i cavilli che abbiamo noi in Italia, paradossalmente patria di queste moto uniche ed inimitabili!

    RispondiElimina
  2. In effetti ricordo che Marc alla sua ultima visita qui da noi ci raccontava meraviglie sulla semplicità con cui anche in Belgio si possono ottenere variazioni di omologazione sul libretto di circolazione di una moto...

    E in effetti che una moto come quella postata non sia legalmente circolante sulle nostre strade piene invece di Timacs e Giessisti è una contraddizione non da poco...

    RispondiElimina
  3. Mi sa che c'è un mezzo equivoco. La moto postata è presa a caso dalla rete e non viene dal Belgio, credo che sia fatta in Giappone con ciclistica Taraky e componentistica varia (tipo Mario Sassi), ma è un'esempio di moto costruibile con un motore del genere.

    RispondiElimina
  4. Comunque il problema omologazione sarebbe saltato a piè pari se una moto del genere la facesse un costruttore di moto, come era una volta la Ducati per esempio.

    RispondiElimina
  5. comunque, se uno ha tanti soldi da spendere per fare una moto in quel modo, valica il confine , la fa omologare e la riporta in italia

    semplice

    la vita è pantahstica

    RispondiElimina
  6. e non venitemi a dire che:-
    ma io vorrei solo mettere due cerchi da 17 all' lalaaazzzuuurrra, spendo pochissimo, mi costa troppo andare di la dal confine

    perchè io vi dico:-
    lalaazzzuuurrra va benissimo con i cerchi da 18, se poi è un fatto d'estetica, guardatevi allo specchio

    la vita è pantahstica

    RispondiElimina
  7. Non m'ero nemmeno fatto la domanda se quella della foto fosse o meno una moto fatta dal tipo che realizza quelle teste: il mio era un discorso generale su quanto difficile sia omologare un esemplare unico qui da noi rispetto a quello che succede appena oltre il confine...

    Ma se n'è già parlato più di una volta...

    RispondiElimina
  8. SCORDATELA

    prendi i ciao e pedala

    e trovati un lavoro CAZZO

    RispondiElimina
  9. E vero che qui, per il momento, non abbiamo grande difficltà con problemi di omologazione, controli di conformità, ecc. Ma temo che potrebbe succedere nel futuro perche l'evoluzione delle nostre società va nel senso della normalizazione, del politicamente corretto e della riduzione della libertà individuale : se gli Belghi non fossero straoccpati a prendersela con questioni communautarie e linguistiche, sono sicuro che gia avremmo il controlo tecnico per le moto e tutto il resto...

    RispondiElimina
  10. L'Italia è il paese dove la burocrazia è stata inventata, quindi se i politici belgi voglino lezioni a riguardo, il nostro è il paese giusto :-)

    RispondiElimina
  11. Sauro, mi fai paura perche so che sono gia alcuni politici belghi che vivono una parte del' anno in Italia :-(((

    RispondiElimina
  12. Miki, il problema omologazione si può risolvere soltanto con un derivato di serie, ho prodotto 5 telai, modificando lo sport del 88-89 e il 900 del 90, l'idea è nata per avere telai più robusti idonei alle nuove cilindrate maggiorate secondo i nuovi regolamenti per le corse d'epoca...basta non modificare misure e geometrie...gia molto corsaiole su questi modelli..poi la gioia di guidarle sempre...

    http://www.subito.it/moto-e-scooter/telaio-trasformazione-ducati-f1-e-tt-con-documenti-roma-9699476.htm?last=1

    RispondiElimina
  13. per le teste pantah 900 i migliori complimenti,solo che sono un pò carucce,.... chiede 1500 euro e credo che si riferisca alla sola testa senza cams valvole e il resto...chissa che ha qualche nostro compaesano munito di attrezzature non venga la voglia di cimentarsi in questa sfida.
    La f1 e la tt sono le motociclette più replicate al mondo, ha non produrle è rimasta solo la ducati.....

    RispondiElimina
  14. Credimi... visto il vento che tira forse è meglio così! :-)

    RispondiElimina
  15. ma viene montato l'albero a camme della testa anteriore orizzontale?

    RispondiElimina
  16. Qualunque albero a camme pantah o F1 ci va benissimo

    RispondiElimina