martedì 4 maggio 2010

LATITANTI


Sì: in questi ultimi giorni siamo un po'poco presenti. I motivi sono vari, e ci metterei per prima l'aspettativa di tutti per la gara di domenica prossima; d'altra parte qui dentro del setàp di Valentino o del ciattering di Biaggi ce ne frega veramente il giusto. Quindi la cosa principale di cui parlare sono le moto, ma quelle "vere", quelle su cui ognuno di noi mette le sue sante e irreplicabili chiappe ogni volta che può e gli viene voglia, quelle che accendono la nostra passione e che ci fanno battere il quore con la Q.

Ma le moto non sono mica tutte così. E, giusto per ridere, è da qualche giorno che penso di fare un post "controcorrente", nei commenti del quale ognuno sia libero di riportare alla gloria la peggior cagata a due ruote su cui abbia avuto la sfortuna di imbattersi, direttamente o meno. Che sia una valutazione tecnica o prettamente estetica non importa: voglio il peggio che vi viene in mente. Io ultimamente ho fatto un giretto su una Triumph Tiger 1050 e devo dire che per essere una moto di merda non le manca veramente nulla... ma da tutti voi voglio di peggio! Per parte mia, inizio la carrellata proponendo due perle di rara bellezza estetica: la Suzuki RE5 Wankel di fine anni Settanta (credo: voglia di documentarmi pari a zero) e la improbabile (e stranamente dimenticata... chissà come mai) Laverda Navarro 125 del '90, che molto probabilmente dette il colpo di grazia alle già tormentate sorti della gloriosa Casa di Breganze.

Questo non vuole logicamente essere un post con un qualche significato: vuol solo dire che quando non si sa cosa pubblicare va bene anche la peggio merda! Ora però tocca a voi!

34 commenti:

  1. allora per restare in tema come dimenticare la Aprilia Motò 6.0 oddio non ne ho vista neanche una in giro ! ma a pensarci bene forse sò anche il perchè !

    RispondiElimina
  2. Mah... ti dirò... la Motò secondo me in realtà è un oggetto strano, qualcosa di difficile da interpretare. Io qualcuna l'ho vista, anche in tempi recenti, e per il mio gusto estetico non è "brutta" in senso assoluto: diciamo che le sue linee sono particolari e decisamente più avanti del momento in cui Starck la pensò, ma oggi è molto meno strana di dieci o più anni fa, e questo secondo me le fa guadagnare diversi punti. E' un po'lo stesso concetto della 999, con le ovvie e dovute proporzioni: quando uscì tutti dicemmo che era brutta, ma oggi io penso solo che fosse troppo avanti rispetto ai suoi tempi. Tanto che la 1098 che è venuta dopo ha una linea molto meno personale e sostanzialmente sembra più vecchia...

    Dai... puoi fare di meglio!

    RispondiElimina
  3. ok riprovo : bmw f 650 scarver questa nn si batte !!!

    RispondiElimina
  4. Io a dire il vero un post pronto ce l'avrei, ma sto TITUBANDO a pubblicarlo perche è un po' troppo insensato (sempre meno di questo), troppo personale, troppo lungo, troppo polemico... insomma troppo.
    La cagata più grossa che mi viene in mente la cerco fra le moto che ho guidato, perche del lato estetico francamente mene frega una cippa, e comunque è estremamente personale. Eleggo la Multistrada, è si, non mene voglia l'autore ma fra cbr600 del 93 e multistrada ha vinto la seconda, in quanto alla guida della prima mi sono almeno divertito tanto a magione, invece sulla multi un pregio, anche uno solo non l'ho trovato.

    RispondiElimina
  5. E lo sapevo! :-)

    Non me la prendo, figurati. Il Multi in effetti aveva tanti difetti e pochissimi pregi: ora che ci penso non me ne viene in mente nemmeno uno. Alla guida era bello dondolone, è vero, ma siccome al peggio non c'è mai fine dovresti provare (o forse è meglio di no) a mettere il culo su una Tiger 1050, non senza aver prima messo in bocca un bel ciùingam di quelli per il mal di mare: mi par che si chiami Travelgum. Il difetto principale secondo me era più che altro che non aveva spunti di personalità nella guida: non c'è una cosa che io mi ricordi particolarmente... era solo piuttosto facile, al limite del noioso. Tutto qui.

    Una vera merda da guidare ora la tiro fuori io, allora. Provate a fare un giro su una IpermoDard: dura da battere... molto dura!

    Quanto al post insensato, personale, lungo e polemico, son qui che aspetto di leggerlo: ti ricopia preciso preciso, appparte il lungo. :-)

    RispondiElimina
  6. Beh...parlando di moto "brutte", e qui si entra nell'estetico, diciamo che la vecchia Multi non era proprio proprio bellissima...
    Parlando di moto "brutte" che non ho guidato, ricordo una Bmw rossa/arancio e gialla, non ricordo il modello, che era bruttina forte...
    E anche le varie Hyosung...ma qui si entra nella psico-moto.
    Però la vecchia Multi, quando l'ho guidata, la ricordo come una moto piacevole da guidare ed intuitiva.
    A proposito di Multi...ho provato la Multi1200...se vi interessa, posso scrivere qualche riga in merito.
    Se non vi interessa, amen :-)))

    RispondiElimina
  7. Ciao Fabio, scrivi scrivi, io sarei curioso di andare a provarla, ma diciamo che non ho ancora trovato il tempo.

    RispondiElimina
  8. Ciao Sauro.
    Bene, sono andato a provarla una settimana fa.
    Prova di 10 minuti, per cui è difficile farsi un'idea completa.
    Le moto in prova erano entrambe la versione S.
    Io ho provato la S-Touring.
    La moto pare ben curata, eccezion fatta per quell'orrendo cavo che esce dalle manopole riscaldate e che dalla parte della manopola del gas potrebbe dare qualche intralcio col pollice.
    La strumentazione è fatta bene e ben visibile; la procedura di accensione è "strana" ma di facile comprensione.
    La posizione in sella mi ha lasciato un pò perplesso sulle prime; avevo già notato i riser decisamente lunghi al manubrio e infatti, una volta seduti, il manubrio si trova decisamente più vicino al busto che sulla vecchia Multi. La sensazione che ho avuto è che sia una posizione un pò "motardizzata" (passatemi il termine..).
    Sella comoda, anche se un pelo alta per la mia altezza, e gambe in posizione corretta.
    In movimento la moto è decisamente agile e con quote ciclistiche azzeccate. Le sospensioni fanno egregiamente il loro dovere, anche se ho trovato la posteriore un pò duretta, soprattutto nella prima parte di intervento (il che mi fa pensare che nella versione Base potrebe anche essere un pò peggio...ma non mi pronuncio in merito).
    Le varie mappature, o configurazioni, o Riding Mode, si selezionano in modo veloce e intuitivo.
    Personalmente, sono partito dall'Urban, per passare al Touring e finire con Sport.
    La moto va forte, davvero forte. Stabile, intuitiva e veloce. L'acceleratore elettronico si fa sentire, soprattutto nella prima parte di apertura gas; e si fanno sentire anche le diverse mappe a livello di erogazione della potenza. Non ho avuto modo di verificare l'efficacia delle sospensioni al cambio di mappatura ma di certo la moto è molto stabile. Si ha solo una sensazione di alleggerimento di avantreno in accelerazione ma la ruota non si stacca mai da terra.
    In curva è molto stabile e precisa e tiene bene la traiettoria, nonostante la sensazione di essere molto "alti" di sella.
    Mi è piaciuta poco la corsa della leva del cambio, un pò lunghetta per i miei gusti, e la frenata nella fase di attacco, come se ci fosse una prima parte a "vuoto"; poi, la moto frena ottimamente. Direi che è una questione di feeling che si fa col tempo.
    Non avendo provato il GS, non ho molti termini di paragone con questa Multi; è sicuramente un'ottima moto che dà parecchie emozioni alla guida. Magari anche troppe, per quanto mi riguarda.
    Continuo a pensare che ci siano tanti cavalli, magari troppi. Certo, quei tanti cavalli aiutano sicuramente nei lunghi tragitti autostradali (dove aiuta di meno il cupolino che protegge giusto busto e casco...), dove puoi fare medie elevate a bassi regimi di giri.
    C'è tanta elettronica, così tanta da pensare che se qualcosa va in fault, lasci la moto lì e ciao peppa.
    Non so; sarà l'età ma quando sono sceso dalla moto ho pensato che fosse una gran moto ma che anche se avessi i soldi per prenderla, probabilmente non la prenderei.
    Come dire...è "troppo" per i miei gusti motociclistici.
    Fermo restando che è una moto assolutamente ottima da guidare e direi anche piacevole da vedere.

    RispondiElimina
  9. beh se qualcuno vuole la comparativa ...io ho provato il gs 1200 su invito sincero di un caro amico , e oltre a vergognarmi di esserci salito sopra mi stavo anche addormentando e il mondo mi è sembrato davvero triste. mi sono cosi offeso di averla provata che ho radiato questo amico dalle mie amicizie. anche perche' era davvero una gran testa di cazzo. sara' quel giubbotto in tinta con le valigie..bohhh!!!
    scusate la parolaccia. credo avrei le stesse forti emozioni sulla multi, la ipermotard, la tiger , e compagnia bella. mi scuso coi lettori utenti delle seguenti moto, non è colpa mia. ciao

    RispondiElimina
  10. ps
    ultimamente ho incrociato un paio di multistrada 1200 ducati bianche. ho dovuto sforzarmi x capire che tipo di moto fosse, poi ho dedotto fosse una triciclata x gente che ha soldi da buttare x bene, e purtroppo parlandoci la realta' supera la mia fantasia. ma io di moto non capisco una sega, questo va detto!
    ariciao

    RispondiElimina
  11. Ciao a tutti. Tralascio, per nausea, praticamente tutta la produzione jap degli ultimi 20 anni: plasticosa e con infantili fregi e saette che fanno sembrare le moto degli alberi di Natale (diciamo lo standard GXR/CBR). Di quello che resta devo dire che c'è una moto che quando fu presentata mi fece fare una risata di quelle che meritano gli scherzi: la Multistrada del sudamericano P.T. Poi mi dissero che non si trattava di uno scherzo e pensai, con tristezza, che mia nipotina l'avrebbe disegnata più bella. saludos g.

    RispondiElimina
  12. resta di fatto che nessuno ha trovato una moto più brutta della bmw f 650 scarver

    RispondiElimina
  13. Antonio... io e te ci siamo mandati a cacare su un brutto blog aziendale decine di volte, e alla fine tutti e due abbiamo mandato a cacare quel blog dimostrando che se era buono come spunto lo è stato molto meno come proseguimento. Fatta questa premessa, oggi devo ammettere che se non ci fossi dovrebbero inventarti. Il tuo commento sul GS ha qualcosa di geniale... :-)

    Mirko... di esteticamente peggio della Scarver c'è, e in abbondanza, secondo me. Partendo proprio dalla Laverda Navarro che eleggerei la moto più brutta mai vista per strada se solo ne avessi mai vista realmente una. Ma ora ti spiazzo: Honda PC800 Pacific Coast. Se ti pare poco... :-)

    RispondiElimina
  14. ..sapevo che la Multistrada sarebbe saltata fuori!
    Dopo aver letto il post ho avuto un flash: la morini excalibur!
    un bel modo per umiliare un motore glorioso come il bicilindrico di Lambertini e,
    ciliegina sulla torta, un nome a dir poco ridicolo..

    RispondiElimina
  15. Non male, Francesco, non male! :-)

    Ci mettiamo anche la Ducati Indiana? Che dici?

    RispondiElimina
  16. enrico non era una provocazione, la GS mi è sembrata da vicino e da sopra davvero qualcosa di mortificante, provo ancora adesso sensazioni di incredulita'. ho dovuto sorbirmela x 12 kilometri e avevo davvero gli occhi cosi stanchi da non credere. al di la dei gusti personali, insieme alle ipermotard ducati e alla multi 1200 ducati, penso siano le moto attuali piu' orrende, anche la ipermotard, ogni volta che ci passo accanto a piedi e la guardo, credo sia un sogno o un incubo di cui vorrei capire il senso ma mi sfugge.
    poi il senso di brutto è molto personale, credo. se qualcuno la ritiene fatta bene e funzionale, vabbe'...ripeto, non mi sento di essere un esperto, assolutamente. forse le si identifica in un certo ambito commerciale sgradito e allora le si giudica cosi', effettivamente poi leggendo chi le ha provate con altri occhi, è possibile che io o tu ci sbagliamo , chillosa'? magari la ipermotard è stupenda come dicono gli entusiasti possessori e amanti del modello. magari bisogna mettersi nei panni dei fruitori di moto cosi comode e assolutamente turistiche per capire bene. d'altronde parlando seriamente non mi sento di poter controbattere il parere di chi ha provato la multi 1200: se mi si dice che è una moto ok, e a scrivere è una persona adulta cosciente, normale come tutti noi, non fanatica seria ecc ecc..., bisogna forse riaprire e riconsiderare questa possibilita' che questa Multi sia una moto che soddisfa e piace anche.
    Per restare nell'ambito Ducati a noi caro..a chi credo? a Fabio che cmque la ha provata, o a Marc Poels, che non la copmprerebbe mai ( e credo non la abbia provata) neanche sotto tortura del partito nazionalestremista fiammingo :-)))
    ? sarei tentato di dire Marc, pero' ...perche' non credere invece a Fabio di cui sinceramente leggendo qui e la, credo di poter pensare sia una persona precisa in tema di moto--seppur di gusti diversi--?? allora è brutta ma fatta bene, o è una ottima moto? o cosa?

    RispondiElimina
  17. ENRICO Dalla Honda PC800 Pacific Coast mi aspettavo di più in fondo è una Deuville un pò retrò ma questa non si batte veramente per "bruttezza" stò parlando della Morbidelli 850 8V non credo ne esistano di più brutte e inutili !

    RispondiElimina
  18. Fermo perché mi potrei anche incazzare.

    La prima carrozzeria che fu presentata, quella disegnata da Pininfarina, era obiettivamente oscena: la seconda versione, che avrebbe dovuto essere quella definitiva, era invece un bell'esempio di moto classica ed elegante... una linea non miracolosa ma sobria e in perfetto accordo con il carattere della moto che andava a vestire.

    Quanto all'inutile... mah... avrei i miei dubbi. Io quella moto l'ho vista, e mi sarebbe piaciuto sentirlo girare quel V8 così piccolo e bello. Chissà se l'Ingegnere ha già pronto il 12... :-)

    RispondiElimina
  19. Fabio, grazie della descrizione della prova.
    Antony, io do ragione a Fabio, nel senso che non dubito che la multi1200 sia fatta bene e vada benissimo, anche se ovviamente 10 minuti sono pochini.
    Allo stesso tempo, come Marc, neanch'io la comprerei mai, è una tipologia di moto che mi non mi piace, ha delle caratteristiche estetiche e soprattutto tecniche che mi fanno ribrezzo, e sinceramente se dovessi di nuovo spendere 18000 in una moto, quella moto dovrebbe piacermi tutta, e non semplicemente essere la migliore solo perche l'ultima della stirpe quindi la più fescion.
    Detto questo, se mi capita l'occasione un giretto celo faccio volentieri.

    Mirko, la Morbidelli ti garantisco che andrebbe vista dal vivo per farsi un'idea vagamente realistica.

    RispondiElimina
  20. ho ho nn vi inkazzate! io riguardo alla morbidelli parlavo della prima veste bicolore quella coi 2 fanali disegnata da pininfarina cmq ribadisco che un motore 8 cilindri è casomai un bell'esercizio tecnico non certamente una cosa necessaria dato che molti viaggiano con un quarto dei cilindri e godono molto lo stesso !

    RispondiElimina
  21. E' vero che 8 cilindri non servono, verissimo, me è vero anche che su tante bicilindriche ci sono tante cose ancora più inutili, e la gente sele compra.

    RispondiElimina
  22. sauro scusa, dici che non dubiti sia fatta bene tecnicamente e vada benissimo, salvo popi contraddirti dicendo che ha caratteristiche tecniche che non ti convincono...a volte prendere posizione diventa obbligatorio. pure l'atala idea andava benissimo e scattava da dio.... e senza nulla togliere appunto alle sensazioni di fabio e della multi1200

    RispondiElimina
  23. Mirko, sono d'accordo anche io che 8 cilindri non servono, ma è anche vero che se togliessimo davvero tutto ciò che "non serve" resterebbero solo i monocilindrici. Motori essenziali, spesso molto belli anche da guidare a livello di sensazioni, ma sicuramente non gli unici motori da considerare. Tanto che proprio te hai raddoppiato arrivando ai bicilindrici. E io raddoppio ancora arrivando ai quattro, visto che ne ho provato uno (magari particolare, anche solo per filosofia di utilizzo...) e appena ho iniziato a usarlo ho pensato che fino ad allora mi ero perso un bel po'di belle sensazioni, senza rinnegare quelle che mi avevano dato i bicilindrici bolognesi fino al giorno prima e per quindici anni.

    Quindi perché non otto cilindri? E' un motore unico o quasi, qualcosa che pochissimi hanno provato a fare nella storia della moto e che probabilmente regala sensazioni ancora nuove e diverse. Un po'di tempo fa, dopo la mia visita al Museo Morbidelli e la mia fortunosa breve chiacchierata con l'Ingegnere, gugòl mi fece imbattere nelle moto e nella storia di Ian Drysdale, geniale australiano che una V8 anni fa l'ha fatta e venduta, tanto che lo contattai per fargli i miei complimenti e mi propose di comprarla visto che gliene erano rimaste un paio... :-)

    RispondiElimina
  24. No Antony, io ho scritto che non dubito sia fatta bene, non che non dubito sia fatta bene tecnicamente. Intendo che non ho dubbi sulla qualità costruttiva, sui materiali, sulla bellezza delle rifiniture, della sella ecc.
    Sulla qualità delle scelte tecniche ho invece moltissimi dubbi, tutti quelli che ti puoi già immaginare.
    Oggi fare una moto facile da guidare e che non sorprenda negativamente nessuno ma accontenti un po tutti è relativamente facile, basta non fare nulla di nuovo ( BMW s1000RR insegna, e poi c'è gente che continua a considerare i colossi giapponesi degli dei ), si riscia poco e si spende poco con soluzioni tipo i nuovi monster e questa nuova multi appunto. Poi gettano puro fumo negli occhi con cose tipo le mappature elettroniche e i cavalli variabili per il motore, tutti gingilli che hanno un costo di sviluppo ma in produzione costano pochi euro, come pochi euro costa la sospensione posteriore ed il telaio.

    Per l'erogazione del motore credo che se è valida ne basti una per tutte le occasioni, e se uno non è in grado di guidare una moto da 150 cavalli alta come una enduro e pesante come una goldwing forse è meglio se compra quialcos'altro invece di affidarsi al pulsante che gli toglie 50 cavalli ... Mi sembrano discrete minchiate.

    Comunque ripeto che sarei curioso di provarla, non che mi aspetti di rimanere stupito, solo per curiosità.

    RispondiElimina
  25. Un'esempio di particiolare che almeno a distanza mi pare fatto bene sono gli attacchi delle valige, finalmente integrati, dopo che BMW li fa così da 20 anni.

    RispondiElimina
  26. V8 configurato a v di 90° e albero motore con manovelle a 180° è il frazionamento minimo per ottenere un motore che sia perfettamente bilanciato riguardo coppie e forze di tutti i livelli... ecco una cosa che le altre non anno.

    RispondiElimina
  27. occorre anche tenere presente che la <morbidelli 8V costava circa 80 milioni di lire !!! 10 milioni per cilindro !! adesso sì che mi sembra un bell'esercizio di stile e basta !

    RispondiElimina
  28. Pensa a quanto costa oggi una 1098 S Forse e fai i dovuti paragoni... :-)

    RispondiElimina
  29. non dico che la 1098 si anke quella ma la morbidelli.... per favore !

    RispondiElimina
  30. Mirko... ci sono già stato, ma ci vengo volentieri io con te al museo Morbidelli a Pesaro, in modo che tu possa vedere una V8 dal vivo. Sono convinto che cambieresti idea al volo... oltre a vedere decine e decine di altre cose spettacolari.

    RispondiElimina
  31. O vediamo allora se si riesce a mettere insieme una gitarella. Andata via Bocca Trabaria e ritorno via Bocca Serriola... :-)

    RispondiElimina