martedì 11 maggio 2010

AMMAGIONE - 2

L'altro ieri sera si parlava di bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto. Io per non mi sbagliare di solito dopo cena ne prendo uno di quelli piccoli da grappa, lo riempio appunto fino a metà del suddetto strabiliante distillato... e lo svuoto mediante degustazione del suo contenuto.


Attacco con questa cazzata per sdrammatizzare un po': lo so che sono ANCHE l'addetto-stampa del team (appena autoproclamato), ma mi piacerebbe che i particolari (se vogliono) li raccontassero direttamente i piloti. I quali, lasciatemelo dire, si sono fatti onore almeno al pari della Pina, la loro creatura. Perché si fa presto a dire "gare di moto": anche a queste garette poco più che amatoriali arriva gente con organizzazioni ben oltre l'immaginabile e bagggettt da motomondiale. E poi ci sono quelli come Sauro e Claudio: pochi soldi da buttare, tanta passione nel lavoro e tanta manetta. E succede che moto come la Pina crescano dentro un garage dopo cena o la domenica, facciano zero prove e si presentino in pista così, quasi alla cieca. E che con i loro piloti-meccanici navighino per un'ora e mezza di gara intorno alla quinta/sesta posizione, con un passo tra il minuto e 28 e il minuto e 30, che a Magione per un Pantah abbiamo scoperto essere un gran bel girare. Purtroppo non è stato raccolto quanto era stato seminato, ma il meritato applauso che ha accolto Sauro al suo rientro ai box a fine gara ha comunque il suo valore. Adesso ci sono cinque mesi prima della gara a Franciacorta: il tempo per migliorarsi ancora non manca di certo... e sono sicuro che Sauro e Claudio sono già lì che elaborano nuove idee.
Passiamo ora alla doverosa pubblicazione di alcune foto scattate da me medesimo in quanto addetto-stampa e fotografo ufficiale del team. Cazzo, è toccato fare tutto a me... :-)

La zona paddock dedicata all'Armata Pantahleone: in primo piano il motoròm con annessa ospitàliti, più dietro il camion officina


I concitati momenti precedenti la partenza: si noti la tensione dei due piloti


La Pina in attesa della partenza, assistita anche dall'occasionale tennico ontrac: il mitico Stensy, riconosciuto mago dei Pantah

I 3 del muretto box: da destra la Luna, responsabile acquisizione dati con rossetto rosso e telemetria inchiostro-cartacea, Mirko, cronometrista ufficiale, e io, addetto alla tabella dei tempi . Tra l'altro è stata l'unica volta in vita mia in cui ho potuto presentare un pass con la dicitura "meccanico"...

Un momento di calma apparente, appena dopo aver segnalato un buon tempo

Sauro in attesa del rientro di Claudio per il cambio-pilota


7 commenti:

  1. che domenica ! raramente ho provato tante emozioni (anche contrastanti) tutte assieme !

    RispondiElimina
  2. Siete bellissimi! :-DDD

    RispondiElimina
  3. Daje ragà che eravate bellissimi ;-)
    Claudio e Sauro (rigorosamente in ordine alfabetico) li porto sempre ad esempio tra gli amici quando si parla di passione. Io mi sono diviso tra loro (accampati all'estremità del parcheggio) il mio amico Furio (suzuki 1000) al box 6 in condivisione con chi aveva speso ca. 70.000 euro per una patton..... e Alex box 9 (credo) che correva con una BSA rob north (vera) perchè il suo pantah nn andava bene ed il meccanico (al seguito) gli aveva portato anche quella di riserva!!!
    Bè la differenza si vede. Tutti animati da sana passione ma x alcuni era importante arrivare (pantahleone e Furio) ed altri vincere con dispendio di mezzi tali da poterci comprare 10 pantah (se uno spende 2000 euro per un albero motore...).
    Che dire: un esempio di passione, tenacia e sportività.
    Bravi e continuate così!!!!

    RispondiElimina
  4. Semmmmmmbrano "abbioccati" dal sonno , ma in realtà è solo una fase meditativa della filosofia della concetrazione Zen ...;-)

    A quando il prossimo impegno?

    RispondiElimina
  5. No Otto, in realtà eravamo proprio stracotti a dalle mille difficoltà per far funzionare il motore rimesso insieme dal nulla dopo l'esplosione di Adria :-) Meno male che almeno in quello ci siamo riusciti, il motore non è una scheggia ma sta insieme.

    RispondiElimina
  6. non sarà una scheggia ma fino a che è rimasto in pista si è fatto valere oltre ogni aspettativa !

    RispondiElimina