domenica 25 aprile 2010

PANTAHENTUSIASTA!!!


Un po'di tempo fa un commentatore anonimo lasciò un intervento su un mio post, facendo intendere di avere in garage una Superlight del '92 identica alla mia. Visto che non conosco nessuno che abbia la stessa moto, e visto che specie in Italia non credo ne esistano ancora moltissime, pensai di chiedergli di contattarmi per farmi mandare qualche foto e qualche informazione sulla sua SL. La prima foto che Nicola mi mandò fu questa qui sopra, nella quale si intravede il serbatoio in vetroresina di qualcosa che somiglia a un Pantah. Nel breve scambio di mail seguente, Nicola mi disse di avere appunto in garage anche un bel Pantah: gli chiesi di raccontarmi qualcosa di più, e alla fine mi ha mandato qualche foto e due righe sulla storia di questa moto. Ho pensato sia il caso di far conoscere entrambe le moto del nostro amico, oltre che di pubblicare quel che mi ha scritto, che riporto qui sotto quasi pari pari:

"La mia Pantah 600 la vidi per la prima volta 4 anni orsono alla salita di Laives (BZ) a cui partecipavo con una Caproni 250 con motore NSU-Max (Monoalbero distribuzione a Biellette su eccentrici,primo motore a vincere nal 1955 il mondiale velocita da privato montato su una SportMax NSU pilota H.P. Muller). Arriva uno dei partecipanti alla suddetta manifestazione, che denomineremo il nostro eroe, ed appena sceso dal furgone ci guarda con compassione e mentre tira giù dal furgone una Ducati Pantah "ragazzi oggi non ce ne per nessuno". Dovete sapere che il nostro eroe è uno convinto che:cilindrata + potenza = sono il più veloce... ma noi sappiamo che non è esatamente così.
Nel serbatoio benzina vecchia, gomme si nere e rotonde ma anche vecchie e dure... il serbatoio si toglieva perchè gli elastici erano marci, l'acceleratore era in pessime condizioni ed i carburatori aprivano uno oggi l'altro domani ecc.ecc.
"Ma dove l'hai preso sto catrame?", gli chiedemmo -"Era di uno che correva in pista è stata un'occasione". In tutti lo aiutammo, sai come siamo noi motociclisti, e così il nostro eroe accese il mezzo e come prima cosa fece una partenza a manetta rovesciata e motore freddo... niente danni ma una grande intraversata di motore con relativo spavento. Il Dio dei Pantah volle che il nostro eroe non fosse un grande manico ma uno scarso un pò in tutto, tant'è che per finire una gara si portava minimo tre moto. Fu così che infatti alla prima manche fortunatamente i pickup se ne andarono in fumo e quindi devette sostituire la moto potente con un laverdino 100 del suo socio, che chiameremo il fruttivendolo di Bassano, il quale guidava una Benelli 250 2c preparatissima. Tale moto aveva il problema che andava solo in pianura, e appena iniziata la salita si ammutoliva. Dopo lunghi e approfonditi controlli si accorsero che aveva poca benzina nel serbatoio ed avendo i rubinetti davanti non riuscivano a pescare. Tanto per dare un'idea dei personaggi...
Decisi che in quelle mani quella Pantah non ci doveva stare: era già massacrata di suo e di questo passo sarebbe andata distrutta Si vedeva che aveva avuto un passato sportivo e quindi meritava qualcosa di meglio per il futuro e la comperai io. Iniziai quindi un lungo restauro conservativo meccanico ed estetico: olio, filtro, carburatori,cavi vari, punterie, candele, riparato e riverniciato la carena con relativi nuovi supporti, sospensioni revisionate (ah... ho notato che le forcelle hanno una regolazione per indurire la molla su tre posizioni ed è camuffata da valvole per il gonfiaggio delle forcelle...). Il motore non l'ho aperto perchè gira bene e mi sembra vada molto forte... chissà? I carburatori sono da 36 e hanno ancora le pompe di ripresa: di solito le toglievano... mah?

Ad ogni modo comunque sia io sono pantahentuasiasta"



Un ringraziamento all'amico Nicola per averci fatto partecipi della storia del primo incontro fra lui e il suo gran bel Pantah... :-)

7 commenti:

  1. Bei ferri Nicola e mi raccomando....un okkio di riguardo per il pantah

    RispondiElimina
  2. Nicola, complimenti per le moto e per la passione che si legge nei racconti, in effetti salvare un Pantah dalle grinfie di un'incompetente e restaurarla bene non è cosa da tutti.
    Avevo notato ancor prima di leggere le regolazioni al precarico molla aggiunte alla forcella, interessante. Ma dalle foto sembrerebbe una 38 ex 900ss invece della 35 originale, mi sbaglio?

    RispondiElimina
  3. Grazie per i complimenti SuperPantah fatti da te hanno un valore aggiunto.
    Gli steli sono da 35 ti traggono in inganno i tappi e l'ottica della foto.
    Nicola

    RispondiElimina
  4. ieri ho acceso, la mia(perche le è femmina come tutti concorderete)... all inizio non ne voleva sapere,come sempre, poi a un certo punto ha fatto il ciunf, e dopo quello ''starnuto'',un botto, e poi è partito con tutta la sua cattiveria e il rumore dello scarico a tromboncino libero.... credo di aver svegliato mezzo paese, però che goduria per le mie orecchie:-)
    ok era un piccolo sfogo tra gente che la pensa come me:-)fatto cogliendo l'attimo per complimentarmi della bellissima moto
    (enrico mi potresti mandare le misure vitali di quel conti?? il mio è replica e non sono sicuro sia fatto in maniera corretta.
    grazie

    RispondiElimina
  5. Te le manderei volentieri, ma purtroppo la moto non è mia! :-)

    Nicola... ti chiamano in causa! :-))

    RispondiElimina
  6. Appena trovo 2 secondi in qualche modo provvedo con piacere
    Nicola.

    RispondiElimina