lunedì 8 marzo 2010

FuturPantah



FuturPantah nel senso di moto del futuro, una moto, un modello in particolare che dopo anni di dimenticatoio sta tornando alla ribalta grazie el compimento dei fatidici 30 anni dalla nascita che consentono di partecipare a varie gare per moto classiche. Quindi una moto che sempre più spesso vedremo nei garage degli appassionati, sulle riviste specializate e su internet.
Questa in particolare la sta costruendo Lorenzo (loreduc996), e a giudicare da come è cominciata, e dalla qualità di altri suoi lavori, direi che il risultato non potrà che essere spettacolare.

12 commenti:

  1. andrea raciti9 marzo 2010 12:55

    che bella gli sta venendo proprio come vorrei la mia...che invidia:-)

    RispondiElimina
  2. Bella bella bella... e provo profonda ammirazione per chi, come Sauro e anche Lorenzo, è capace di tirar su una moto "dal niente" come ho visto più volte al Superpantah Caffè.

    Credo non sia mai capitato a nessuno al Ducaticaffè in via delle Botteghe Oscure, ma potrei sbagliarmi.

    RispondiElimina
  3. Complimenti!! Non vedo l'ora di vederla finita.
    Intanto proseguo con i lavori della mia nuova creatura. Sto sperimentando nuovi accrocchi....

    RispondiElimina
  4. Grazie a tutti! Non vedo l'ora di finirla... la prox settimana devo sfoltire un po' il telaio perchè pesa una cifra, stasera ho sabbiato un po' di cose e sono tornate come nuove, devo montare forcelle ecc e metterla per terra così rilevo due misure giusto per capire come muovermi. Il motore per ora è un manichino ma buona parte del necessario per rimepirlo è già in casa, io farò un 750cc al max un 780cc... non di più. Cmq su ste gare delle moto d'epoca ogni giorno ne vengo a sapere una di nuova... di motore metà schieramento corre sporca...ahahhaha

    RispondiElimina
  5. andrea raciti9 marzo 2010 23:34

    vabbe normale, e mica da ora:-), alla fine generalemente basta divertirsi, perche se si vuole vincere si deve avere una moto molto molto molto sporca...

    RispondiElimina
  6. Se arrivi a 780 con l'albero 61.5 e senza spostare i prigionieri è perfettamente legale. Andare oltre secondo me un po' meno, ma si sa, c'è sempre chi ha più soldi da spendere, tempo da perdere, accosti fra i commissari ecc... almeno immagino.

    RispondiElimina
  7. andrea raciti11 marzo 2010 08:59

    per quello che ho potuto vedere,o sentire, il vero problema è che spesso moto che dovrebbero stare nelle open, sono nelle classi, e cio falsa un po tutto, poi si ci mette anche il fatto che alcuni motori non vengono aperti, se non vengono fatti reclami,e via dicendo:-) ma vabbe sono le corse, va sempre cosi...

    RispondiElimina
  8. Andrea, se ho letto bene il regolamento nell'endurance non c'è classe open. C'è la 750, dove i Pantah possono correre fino a 600cc e la classe 1200, dove per i pantah è tutto libero ma fissata la corsa massima a 61,5. Ovviamente la configurazione del motore deve rimanere quella Pantah, quindi niente teste girate, ma se uno prende i carter di un'M800, ci mette dentro l'albero di un 750 e poi spostando i prigionieri e alesando i carter monta cilindri da 92 o 94mm e due teste anteriori di un 900 o addirittura un 1000ds, (non che abbia mai visti niente di simile sia chiaro) in teoria è legale, ma secondo me dovrebbe essere vietato arrivare a tanto.

    RispondiElimina
  9. andrea raciti11 marzo 2010 20:14

    no no siamo perfettamente d'accordo, infatti più o meno è quello che sto facendo io(infatti usero la base del 750 e i cilindri 900), il mio era un discorso più ambio nell ambito del gruppo 5

    RispondiElimina
  10. A me l'idea di correre nelle gare d'epoca con un mezzo camuffato per epoca ma che in realtà non ne ha nulla mi da noia. Io il mio pantah endurance ho idea di farlo più possibile aderente all'epoca e con materiale riconducibile a quell'epoca. Sarò un romantico ma è facile vincere con un mezzo che non c'ha nemmeno i carter del pantah,che monta la frizione antisaltellamento che all'epoca nemmeno si sognavano ecc ecc... il bello sarà stargli davanti o almeno appaiati in rettilineo con un bel 750 tondo ben preparato e con tutte le cosine al posto giusto.Che è quello che sto facendo. E allora me la riderò sotto i baffi. Il grande Farnè a quel tempo tirò fuori dal pantah 750 dei motori a dir poco eccezzionali. Purtroppo il mondo dei ricambisti è piccolo oppure sono io che conosco tanta gente e le cose prima o poi le vengo a sapere, sorrido e non mi fanno ne caldo ne freddo. Se vogliono correre con i camuffamenti e chi dovrebbe far rispettare i regolamenti se ne lava le mani pazienza per me fan la figura di chi ce l'ha troppo corto e deve sopperire in altro modo.... ahahahahah.
    A me piuttosto fan girare le balle che un anno per regolamento puoi correre con la forcella da 41, la compri e poi ti trovi che l'anno dopo devi correre con la 38. Non va bene perchè noi non siamo team con i soldoni,noi quando abbiamo fatto una moto cerchiamo di non schiantarla al primo giro primo perchè ne siamo affezzionati secondo perchè c'è costata del sudore e della moneta e uno non può stare a smonta/rimonta/ricompra che questi cambiano idea ogni due per tre......

    RispondiElimina
  11. Andrea,
    siamo d'accordo, scusa una domanda, se è troppo indiscreta e vuoi mantenere il segreto non c'è problema ma sono curioso:-) che teste hai intenzione di usare in abbinamento ai cilindri del 900?

    Lorenzo,
    io non ho molte conoscenze quindi non conosco tanti trucchetti, ma come dici te, preferisco andare a provarci con una moto più possibile regolare e anche che non mi ha fatto svenare per metterla insieme.
    Sui regolamenti sono daccordissimo con te, e infatti più che una questione prestazionale ne faccio una questione economica, le 40 e 41 sono piu facili da trovare delle 38, quindi molta gente o ha speso dei soldi in più (come noi che avevamo già la 40) o torna a correre con le 35 originali, e in quel caso o monta disci piccoli da 260 o si mette a rifare gli attacchi delle pinze, in ogni caso una bella rottura.
    Un discorso in più lo meriterebbero i telai.
    da quest'anno il regolamento specifica che i Pantah devono correre con il doppio ammortizzatore, quando invece sono ammessi i TT che in ogni caso sono più leggeri e agili, quindi non vedo il senso di questa limitazione visto che i famosi Pantah NCR che hanno vinto campionati italiani Endurance nei primi anni 80 erano appunto cantilever ( http://superpantah.blogspot.com/2009/06/panthilever.html ), Oltre alla sempre presente questione economica, noi avevamo già forcellone e mono invece abbiamo dovuto comprare ammortizzatori e forcellone.
    Vabbè, ormai è andata, cerchiamo di divertirci.

    RispondiElimina
  12. le teste anteriori montate sul cil. posteriore è una realtà..... purtroppo :-((

    RispondiElimina