mercoledì 23 settembre 2009

Alazzurra Special


Un nostro lettore mi ha mandato la foto della sua moto, si tratta di un’ Alazzurra 650 un po’ rimaneggiata. La moto è stata privata della carrozzeria originale ad eccezione del serbatoio, è stato montato un faro tondo ed un cupolino trasparente, la sella rifatta, la ciclistica sembra piu o meno originale, tranne che per la coppia di ammortizzatori (Pericle Pavesi) che alzano il posteriore di 55-60mm e funzionano notevolmente meglio dei marzocchi originali. Marco, il proprietario che ringrazio, mi ha detto che la foto è vecchia, nel senso che da come appare la moto qui, ci sono state delle evoluzioni, e mi ha confidato che ha in mente altre sostanziali modifiche alla ciclistica, quindi spero di rivedere presto questa creazione …

Colgo l’occasione per allargare il discorso e fare qualche confronto con quello che potremmo comprare oggi nel listino Ducati di vagamente paragonabile, e ovviamente il pensiero va subito alla GT1000 della serie sportclassic.

Tutti sanno che il telaio Pantah non è un’ esempio di rigidità strutturale, è il primo rudimentale traliccio costruito dalla Ducati (in versione Alazzurra ha -0.5° al cannotto di sterzo), la struttura era ancora chiusa fra i due attacchi motore superiori e presentava anche un tubo discendente verso il terzo attacco posteriore che venne conservato fino alla successiva F1 e poi sparì, fu la prima ad avere il perno del forcellone nel basamento, la sospensione posteriore a doppio ammortizzatore è allineata a quanto era comune all’epoca, ed il funzionamento é ovviamente molto dipendente dalla qualità degli ammortizzatori usati, vanno molto bene i Koni delle ultime Alazzurra GT (quest’ultime hanno anche la frizione a secco che le SC si sognano), ma è innegabile che sia una moto stradale dalla ciclistica sincera e onesta, magari non é agilissima (almeno in configurazione originale) ma almeno su strada e per un’ utilizzo con motori non esasperati, é più che adeguata allo scopo pur essendo semplice ed abbastanza economica.

Anche i freni se correttamente “curati” con una pompa e tubazioni moderne e le pasticche giuste, sono ancora adeguati ad un’ uso sicuro e sportivo della moto, e per le ruote (sempre in lega) da 18” con un po’ di impegno si riescono a trovare delle ottime gomme.

Le attuali SC hanno un telaio espressamente realizzato per questa serie di modelli, la struttura appare ispirata a quella delle ultime Supersport (di cui usano alcuni elementi fusi tipo gli attacchi pedane) , ma rispetto a queste è stata adottata una sospensione posteriore a doppio ammortizzatore (stereo) al posto della cantilever (le prime addirittura avevano un’ assurdo ammortizzatore singolo laterale) e la struttura presenta alcuni tubi che sono stati piegati per motivi puramente estetici. I freni sono moderni con dischi da 320mm ma economiche pinze a 2 pistoncini flottanti e le ruote a raggi da 17.

Quindi potremmo dire che fra le due ciclistiche non ci sono sostanziali differenze pratiche in quanto è vero che il telaio delle Sc è sicuramente migliore ma è anche sicuramente assurdo usare un telaio a traliccio con una sospensione posteriore del genere ed una forcella scadente che vanificano lo sforzo, il Pantah ha dalla sua un baricentro più basso ed una posizione di guida più naturale, con la sella posta ad un’ altezza da terra più umana.

Situazione di parità? Più o meno si (secondo me è in vantaggio il Pantah ma io sono di parte), peccato che fra le due ci siano 30 anni di differenza, e che almeno sulla più vecchia ci siano gomme tubeless.

Cosa starà pensando dell' Alazzurra il tizio sulla moto bianca?




11 commenti:

  1. Marc el desmo-resistente Belga23 settembre 2009 17:04

    Condivido con te : perchè avere fatto complicato allora che era possibile fare semplice... e piu bello!

    RispondiElimina
  2. Più bello ma meno fescion!

    Ridius tu de macs a tutti!

    RispondiElimina
  3. Marc el desmo-resistente Belga23 settembre 2009 21:39

    Enri, come fai per mettere una foto afianco del commentario?

    RispondiElimina
  4. Marc, la foto la mette da solo il sistema, non capisco perche a te non la mette.

    Ma qualcuno che viene a dirmi che ho scritto solo minchiate non c'é????

    RispondiElimina
  5. Ci penso io: hai scritto solo minchiate. E' chiaro che la GT1000 è una moto pensata per palati sopraffini: cosa ne vuoi sapere te che vai ancora in pista con l'Alazzurra? A proposito... mi sa che anche per mercoledi io devo dare forfait (forfè).

    Marc, se mi ricordo bene, quando mi sono iscritto a blogger.com, nella definizione del profilo personale il sistema mi dava anche la possibilità di inserire una foto...

    RispondiElimina
  6. Marc el desmo-resistente Belga24 settembre 2009 20:57

    Si Enri, anch'io l'ho fatto : la foto si puo vedere nel mio profilo, ma qui no... Credo che l'administratore generale mi abbia censurato perche ne è geloso, e gli capisco ;-))
    http:www.zimagez.com/zimage/mp-69.php
    Seriosamente : è perche è in bmp e non in jpg...

    RispondiElimina
  7. Marc el desmo-resistente Belga24 settembre 2009 21:05

    Ecco per vedere se adesso funziona...

    RispondiElimina
  8. Marc el desmo-resistente Belga24 settembre 2009 21:08

    buh-uh-uh, sono le ragazze o ? Altra prova senza...

    RispondiElimina
  9. ecco la voce contraria.
    seconndo me il post ha due grosse pecche (leggere minchiate)
    la prima: perchè paragonare le due moto, è come paragonare il coltello e la forchetta, entrambi importanti sulla tavola, anche complementari per la degustazione della carne, ma troppo differenti.
    la seconda: il post manca di passione, e quando si parla di telaio PANTAH (lode,lode, sempre sia lodato, lode, lode), nonsi puo parlare di mere quote ciclistiche, o le prestazioni dei freni o quant'altro.
    il PANTAH o lalazzzuuuurrra, e nato qualche mesetto fa. in quel periodo la gente con la moto ci andava a lavorare, in ferie, correva in pista e tutto contemporaneamente. il telaio PANTAH (lode, mai troppo lodato), ma anche altri telai e moto dell'epoca, si prestava e si presta a tutt'oggi a innumerevoli utilizzi.
    per esempio adesso vado al lavoro con Pantahno, staco la ruota post. attacco la sega e faccio la legna
    meditate gente, meditate

    lode, lode al telaio PANTAH

    RispondiElimina
  10. 1° io mangio con le mani
    2° io non sono appassionato di moto, lo sanno tutti, quindi come potrei scrivere post appassionati.
    3° non sei in grado di montare una leva del cambio, come fai a mettere la sega al posto della ruota di dietro, tutto da solo?

    RispondiElimina
  11. In effetti aveva chiesto una mano a me...

    RispondiElimina