venerdì 14 agosto 2009

one sterp beyond

O come dicono i contadini della bassa val sugana (ma anche quelli della alta valle dell'etna), un passo avanti.
si un passo avanti, perche tralasciamo la genesi della pina per arrivare a oggi, venerdi 7 agosto con la prima uscita in pista.
venerdì 7 agosto 2009 ore 8.00.
siamo all' autodromo di Magione scarichiamo le moto dal furgone.aria frizzante, euforia alle stelle, una lucidatina alle moto, come i team quelli veri, una veloce messa a punto, e via si parte.
Ecco che si presenta il primo problema, chi dei due si prende il coraggio di portare per primo la moto in pista?
facciamo testa o croce e io perdo, tocca a me.
La vestizione ricorda molto i cavalieri di RE Artù quando dovevano partire alla ricerca del Santo Graal, ma anche la trasformazione dei Power Ranger's.
Finisco di vestirmi e con una tensione addosso pari a quella di una centrale nucleare dò l'occhei a Sauro.Un rapido giro nel paddok di magione per "scaldare le gomme" e raffreddare la mia mente........e via si entra in pista.Eccomi qua, entro in pista e gaaasss, ma non troppo, seconda, terza, quarta e sono gia davanti alla prima curva, freno scalo e entro dentro, minchia se vo piano, vabbè sempre meglio che cascare in terra.
Finisce la curva, altre due marce nel corto rettilineo e sono ancora in piega, e dire piega è un eufemismo talmente grande che rimane stretto dentro un autotreno.
Altre tre curve e sono nel rettilineo lungo, giu in carena e guardiamo come va questo motore, terza, quarta, quinnnta, ssseessssta e noto che un fornaio con un betino tre marce mi tiene il passo. Guardo il contagiri e segna a malapena i 7500 giri. Mappporcapputttana, che cazzo ha questo motore. Occhei (che d'ora in poi abbrevierò con OK), altre quattro curve e esco. Fermo la moto ai box via la tuta di pelle e su quella da meccanico. Intanto con Sauro discutiamo la causa di queste "prestazioni". Candele!!?? Carburazione!!?? Motore!? Sella?! Pilota??! Vabbe, tagliamo la testa al topo, giu due candele nuove e proviamo a spostare gli spilli del carburatore una tacca più in basso. Ma guarda che sorpresa, mentre smonto le candele noto che sopra erano montate due candele differenti, ottimo, un motivo in più per metterle nuove. Tutto è rimontato, via la tuta da meccanico e dentro la tuta di pelle, si riprova. Via dentro la pista, stavolta con un po più di coraggio, con calma fino al rettilineo e ridai gaaass. quarta, quinta, sesta e sul contagiri vedo la lancetta sui 9000giri: Ok, il motore puo andare di più ma per ora accontentiamoci, il fornaio me lo sono messo dietro. Finisce il rettilineo, scalo due marce e dentro i due curvoni da raccordare in uno solo, non entro fortissimo, almeno un giro in piedi lo voglio fare. Affronto il toboga di curvettine e entro nel rettilineo dei box, ho finito un giro, EVVVAIII si va per il secondo giro. Ormai ho tutto sotto controllo, finisco il rettilineo scalo freno, freno scalo e entro in piega, vai vai vai, butto dentro due marce nel corto rettilineo chiudo il gas freno e sono nella sabbia. Opporcaputtana, forse non era tutto sotto controllo, vabbe, i freni sono da rodare, gli ammortizzatori del Fifty forse saranno un po da ritarare. Ok ripartiamo. Rientro in pista, due pieghette per pulire le gomme, e si continua a girare. Un giro ,due giri, tre e inizio a prendere il ritmo. La moto si comporta bene, le gomme scivolicchiano, ma da due gomme da turismo non puoi pretendere molto. Riesco a girare per poco più di mezzora, driblando ( o facendo da tappo) le varie pluricavalli moderne, poi il fiato inizia a mancare. Buono, è ora di fare provare Sauro. Rieccomi ancora ai box, mentre mi sfilo la tuta descrivo a Sauro il comportamento della moto, ottimo telaio, motore all'80/90%, freni al top, forcella...mmmm, ammortizzatori post ottimi per la vespina 50, gomme da turismo!. Mentre io gli sciorinavo tutte queste belle cose Sauro si cambia, monta in sella ed è gia pronto per partire. Bottone dello start e bruum in moto, solita giratina per il paddok per scaldare il cervello e via al cancello di entrata in pista. Maa......che succede, prima di entrare in pista un paio di commissario dell' autodromo lo fermano e iniziano a guardare la moto, parlottano un po con Sauro e poi lo fanno tornare indietro. che è successo!!????!! La moto è troppo bella e crea invidia agli altri motociclisti?? NO. La moto è troppo RUMOROSA, o la zittiamo o niente pista. Opporcazzaputtanazza ma... ma.... ma... ma ok,moto di nuovo ai "box" e si cambia marmitta, ne avevamo portata un altra. Sembriamo due meccanici veri, uno smonta il puntale della carena mentre l'altro inizia a prendere i pezzi da sostituire, uno stacca la marmitta dai collettori e l'altro il finale dalle staffe e via cosi. Dopo 5 minuti c'era gia un po di persone ad osservarci incuriositi, non avevano mai visto due pazzi sotto il sole di mezzogiorno, girare freneticamente intorno ad una moto e nel frattempo riempire un lenzuolo matrimoniale di bulloni. Durante lo smontaggio della marmitta Sauro suggerisce di cambiare anche glim ammortizzatori, e sia. Via i marzocchi del ciao e dentro un bel paio di koni appena revisionati. La moto diventa più bassa dietro, ma sicuramente è meglio ammortizzata. Nel frattempo la pista chiude per pranzo, e anche noi ne approfittiamo per riprende un po di fiato dopo tutto questo smonta e rimonta. Un pranzettino frugale (Sauro) a base di un paio di kg di riso freddo (io), caffeino, gelato e poi un giro per il paddok per cercare di conoscere i nostri futuri avversari e conosciamo Davide Rossi e la sua stupenda Yamaha TZ 350 ex Giacomo Agostini, con tanto di meccanico di Agostini dell'epoca. Tante chiacchere, molti consigli e intanto il tempo passa e riapre la pista. Sauro deve ancora digerire i suoi 56 chicchi di riso freddo. Gli concedo ancora 10 minuti, nel frattempo vado a fare conoscenza di altri personaggi del paddok. Parlando con loro scopro che la meccanica non è propio il loro forte, ma giustamente dentro di me mi ripeto che non si puo campare solo di motori. Mentre sono li che approfondisco determinati argomenti, tipo il loro pensiero sul riscaldamento globale, la loro idea sulle innumerevoli guerre sul pianeta, il sesso di gruppo, Sauro mi chiama per comunicarmi che è pronto per entrare in pista; mapporc.... vabbè è il turno di Sauro in pista, saluto le tre stupende "persone", mi vesto anchio e entriamo in pista insieme (io con l' Honda, non in due sul Pantah). Alla porta d' ingresso pista un premuroso commissario dotato di fonometro ci attende, chiede a Sauro di mettere il motore a 6000 giri e misura. 103,8 db, il limite è 102, allora scendo dall' honda incazzatissimo, guardo negli occhi il commissario........ e mettendomi in ginocchio gli chiedo se può fare girare lo stesso la moto. Non si era mai visto un uomo genuflettersi tante di quelle volte di fronte ad un altro, se non alla mecca durante il ramadan, ma tantè, fanno entrare Sauro. Giriamo insieme per più di mezzora senta tanti problemi, escludendo quattro mie uscite nella sabbia; ho testato la consistenza delle vie di fuga su tutte le curve del circuito. Usciamo per riprendere un po di fiato (e per togliere la sabbia dal cbr), scambiarsi impressioni sul comportamento della moto.
Tempo 10 minuti e ho gia voglia di rientrare in pista, tuta di pelle, inforco la PINA e via di nuovo dentro. La moto con gli ammortizzatori nuovi è cambiata ma non di tanto; l'abbassamento del posteriore ha portato ad avere un inserimento in curva un po più duro, ma la moto sembra più sicura nell'appoggio, tanto sicura che in tutte le curve a destra fregavo la marmitta in terra.
Altra mezzora di pista e il fiato come per magia svanisce, quindi esco per non fare danni, per la giornata odierna mi reputo soddisfatto. Ai box rendo la moto a Sauro, la prende al volo e torna in pista.Mi cambio e vado sulla terrazza per prendere un po di tempi e fare un po di foto. Arrivo in cima alla terrazza e vedo i commissari sventolare bandiera rossa, qualcuno è volato in terra. Torno giu ad aspettare Sauro. Eccolo riconosco il rombo, a no, è un guzzone: a no eccolo, eeee che rombo ha la nostra pina. No no, non è lui, è un ducatone, ma non lui. Sarà questo, no è un honda, allora questo, no , altro guzzi. Aaaa, eccolo, ma, ma, è in scia ad un R1, no, un gsxr, no una ford, anzi un fordMapporcazza, com'è andata, ti sei fatto male?? la moto???
E' andata che le gomme da biemmevuista in ferie hanno mollato, no non mi sono fatto niente, la moto diamogli un occhiata - questa è stata la risposta di Sauro alle mie domande-. I danni alla moto sono minimi, serbatio graffiato, semimanubrio un po piegato, pedana destra e pompa freno posteriore andate. Piccolissime cose, ma abbastanza da chiudere la giornata. Sauro affranto mi chiede mille volte scusa. io da parte mia dopo la trecentesima scusa gli tiro un calcio in un ginocchio; perchè mi fa lui, perchè almeno ora ti posso chiedere scusa anchio. Così fra una scusa e una pedata iniziamo a rimettere a posto. Nel frattempo ci viene a sulutare Davide Rossi, ci fa le sue condoglianze per la scivolata e ci dice che mi ha preso un po di tempi
HA SI???!! faccio io, e gia non stavo nei miei panni, si mi dice, giravi in 1' e 35''.
UNOETRENTACINQUEEEE
UNOETRENTACINQUEEEEE
io ho girato in UNOETRENTACINQUEEEE
Davide, vedendomi cosi euforico, cerca di smontarmi dicendo che gli altri pantah girano in 25''
Maccheccazzo me ne frega, io ho girato in TRENTACINQUE con sospensioni di merda motore senza giri in alto e gomme da biemmevuista
TRENTRACINQUEEEE
Sauro gia stanco e provato dalla scivolata carica velocemente il furgone e mi porta velocemente a casa. Non capivo il perchè di tutta quella furia, comunque durante tutto il viaggio di ritorno cercavo di fargli notare i TRENTACINQUE piccioni ce volavano all'orizzonte, o le TRENTACINQUE auto che ci superavano, oppure gli raccontavo la trama del film TRENTACINQUE spose per TRENTACINQUE fratelli.
Comunque, in TRENTACINQUE minuti siamo a casa di Sauro, scarichiamo tutto il furgone nel garage, saluto la sua adorabile compagna, monto in macchina e mi avvio verso casa mia.
Ciao Sauro ci sentiamo in settimana
TRENTACINQUEEEEEEE

Nessun commento:

Posta un commento