sabato 11 luglio 2009

Assen 3











9 commenti:

  1. Marc l'anziano Belga12 luglio 2009 12:15

    Nessuno è profeta nel suo paese...

    RispondiElimina
  2. Guardo queste foto, le precedenti... Leggo quanto scritto e mi chiedo: Ducati, chi era costei?
    Ho visto una SF l'altro giorno, in giro per i nostri appennini. L'emozione provata è stata molto prossima allo 0.
    Oh, certo, non nego che c'è a chi piace e che ne venderanno mille-mila.
    Ma non riesce a piacermi.
    Diciamo che del "new-deal" Ducati, la moto che a mio avviso è più riuscita, esteticamente parlando, è il Monster 1000.
    Poi, che emozioni o meno non lo so, non è il genere di moto che mi ispira.
    Ho fatto un weekend in sella a una 990 SMT e devo dire che anche quella, come moto da turismo, è un discreto "pacco".
    Beve come una spugna, motore che soffre di un accentuato effetto on-off, tanto che il mio passeggero si lamentava discretamente....
    Per non parlare delle psico-valigie che danno (e che se la compri valgono la bellezza di 700-euri-700) e della capienza pari a un acquario a boccia.
    Ma appena mollato il passeggero e imboccato stradelli meno affollati, ecco che la vera indole salta fuori....quella moto è un'istigazione a delinquere, in certi frangenti.
    Allora mi chiedo: ma che senso ha spacciare una moto per semituristica quando la sua vera vocazione è COMPLETAMENTE diversa?
    Vocazione motoristica, intendiamoci, perchè dal punto di vista di ergonomia non è niente male.
    Sia io che il passeggero si scendeva la sera senza dolori o affaticamenti particolari.
    Sarà la vecchiaia ma non riesco a riconoscermi in chi mi vuole spacciare una cosa per un'altra, per chi ha la tendenza a rinnegarsi, per chi si contraddice sistematicamente.
    Ho molta più stima per un'azienda, Suzuki tanto per non fare nomi, che ti piazza lì una motina e ti dice: Oh, ciccio, questa moto non è l'ultimo ritrovato della tecnica, ma quello che la lo fa onestamente e più che dignitosamente.
    Questa moto si chiama V-Strom 650.
    Sì sì, lo so che storcete il naso ma gli anni avanzano e il concetto di moto-elettrodomestico, introdotto da Enrico, ha fatto colpo su di me.
    Al 90% sarà la moto che andrà ad affiancare la SS1000 in garage, dato che non avrò MAI il cuore per venderla.
    La cosa curiosa è che nessuno la vuole nemmeno, nemmeno i concessionari Ducati!
    E io me la rido.... Hanno torto loro e nemmeno lo sanno.....

    P.S.: Marc, tanti tanti complimenti sia per i tuoi post che per i tuoi articoli su MD Dossier... E' un vero peccato che in Ducati non abbiano capito quale persona (tu, come Sauro, come Enrico) preziosa saresti stata per loro...
    Ridi anche tu: hanno torto e nemmeno lo sanno....

    RispondiElimina
  3. Guardo queste foto, le precedenti... Leggo quanto scritto e mi chiedo: Ducati, chi era costei?
    Ho visto una SF l'altro giorno, in giro per i nostri appennini. L'emozione provata è stata molto prossima allo 0.
    Oh, certo, non nego che c'è a chi piace e che ne venderanno mille-mila.
    Ma non riesce a piacermi.
    Diciamo che del "new-deal" Ducati, la moto che a mio avviso è più riuscita, esteticamente parlando, è il Monster 1000.
    Poi, che emozioni o meno non lo so, non è il genere di moto che mi ispira.
    Ho fatto un weekend in sella a una 990 SMT e devo dire che anche quella, come moto da turismo, è un discreto "pacco".
    Beve come una spugna, motore che soffre di un accentuato effetto on-off, tanto che il mio passeggero si lamentava discretamente....
    Per non parlare delle psico-valigie che danno (e che se la compri valgono la bellezza di 700-euri-700) e della capienza pari a un acquario a boccia.
    Ma appena mollato il passeggero e imboccato stradelli meno affollati, ecco che la vera indole salta fuori....quella moto è un'istigazione a delinquere, in certi frangenti.
    Allora mi chiedo: ma che senso ha spacciare una moto per semituristica quando la sua vera vocazione è COMPLETAMENTE diversa?
    Vocazione motoristica, intendiamoci, perchè dal punto di vista di ergonomia non è niente male.
    Sia io che il passeggero si scendeva la sera senza dolori o affaticamenti particolari.
    Sarà la vecchiaia ma non riesco a riconoscermi in chi mi vuole spacciare una cosa per un'altra, per chi ha la tendenza a rinnegarsi, per chi si contraddice sistematicamente.
    Ho molta più stima per un'azienda, Suzuki tanto per non fare nomi, che ti piazza lì una motina e ti dice: Oh, ciccio, questa moto non è l'ultimo ritrovato della tecnica, ma quello che la lo fa onestamente e più che dignitosamente.
    Questa moto si chiama V-Strom 650.
    Sì sì, lo so che storcete il naso ma gli anni avanzano e il concetto di moto-elettrodomestico, introdotto da Enrico, ha fatto colpo su di me.
    Al 90% sarà la moto che andrà ad affiancare la SS1000 in garage, dato che non avrò MAI il cuore per venderla.
    La cosa curiosa è che nessuno la vuole nemmeno, nemmeno i concessionari Ducati!
    E io me la rido.... Hanno torto loro e nemmeno lo sanno.....

    P.S.: Marc, tanti tanti complimenti sia per i tuoi post che per i tuoi articoli su MD Dossier... E' un vero peccato che in Ducati non abbiano capito quale persona (tu, come Sauro, come Enrico) preziosa saresti stata per loro...
    Ridi anche tu: hanno torto e nemmeno lo sanno....

    RispondiElimina
  4. Marc l'anziano Belga12 luglio 2009 18:06

    Grazie Fabio per il complimento. Hanno pubblicato nel ultimo MD Dossier l'argomento sulle mono ad aste e bilancieri? Non l'ho ancora ricevuto...

    RispondiElimina
  5. Beh... Fabio... che posso dirti?

    Sei un vecchio bacucco sfigato, ecco la verità! Se non ti emoziona una moto piena (?) di personalità (???) come la Stritfaiter non hai speranza! :-)

    Quanto alla Kappona... peccato, davvero. Anche se guardandola da fermo qualche dubbio già mi era venuto. Non so quanto siano fastidiosi i problemi che hai notato; l'effetto on-off è qualcosa con cui molti motori devono fare i conti da quando l'ecologia è finalmente venuta in soccorso di questo nostro malandato pianeta decretando la morte dell'unico responsabile dell'effetto serra: IL CARBURATORE! Con l'iniezione si possono magicamente trovare carburazioni così magre che i motori si spengono ai semafori, hanno un funzionamento "a scatti"... e comunque continuano a bere come spugne! :-) Ma... per capire: quanto fa un motore KTM con un litro di benzina? Perché io mi sto meravigliando delle doti di parsimonia del mio quattrozilindren: la scorsa settimana in autostrada sono tranquillamente rimasto intorno ai 17 chilometri al litro, ad andature intorno ai 140 all'ora di passo.

    Per quel che riguarda la scelta che stai per fare... che dire? Onestamente a me la V-Strom non piace, prima di tutto esteticamente. Non ci ho mai badato particolarmente, ma un conto è "soprassedere", un altro trovare una moto proprio bruttina. Sono sicuro che non ti offendi, ma a me proprio la V-Strom non piace per niente da vedere, anche se poi le riconosco tutti i pregi di ottimo elettrodomestico che sottolinei. Ma allora perché non una Fazer usata a carburatori, per esempio? Non costano una mazza e vanno un gran bene, oltre a un gran forte. E secondo me sono pure comode per viaggiare con passeggero e bagagli. Stesso discorso vale per le successive a iniezione che per il mio gusto sono anche decisamente belline da vedere, ma il motore è un po'loffio sotto, pare... e poi di sicuro spenderesti di più...

    RispondiElimina
  6. Enrico, con la K, senza fare autostrada e andando davvero ad andatura turistica, ho faticato a fare i 15.... Sinceramente, mi pare consumi davvero un pò troppo.
    L'effetto on-off era davvero accentuato; ti dico, la mia passeggera all'inizio si era un tantino spaventata....
    Per il resto, non mi offendo assolutamente: i gusti sono gusti e non si discutono, ci mancherebbe.
    Non siamo mica sul....su altr blog, ecco! :-DDD
    Non mi piace la Fazer, forse perchè non ho un gran feeling con i 4 cilindri.
    Guarda Enrico, non so come sia nata questa cosa; so solo che mi ci sono seduto sopra e ho detto: Cavolo, sto cercando una cosa come questa.
    Un'altra moto che mi piace, e parecchio, è la F800GS ma la cifra da sborsare, considerato anche il fatto che non mi prendono dentro la mia, è decisamente elevata.
    Ho parlato con gente la la Strom ce l'ha e ho letto parecchio sul web: consuma poco, ordinaria manutenzione e via che si va. Molti lamentano una forcella un pò troppo cedevole ma credo che se il problema è tutto lì, me ne posso fare una ragione.
    Con meno di 5000 euri si trovano degli ottimi usati... Aspetterò settembre-ottobre e poi vedrò il da farsi.

    P.S.: scusate per il precedente post doppio....mi aveva dato un errore

    RispondiElimina
  7. Ciao Fabio
    anni fa (sara stato il '98), si guardava una ST2 in vetrina, io ed Enrico, e lui diceva "io penso che una moto così non la comprerò mai, é brutta" e io rispondevo " booo chi sa... non é bellissima ma magari per certi tipi di utilizzo". Quando poi cambiai la 888 biposto per la ST4 capii in come possa tornarti la voglia di andare in moto e magari ispirarti nuove mete una moto che non ti spacca la schiena dopo 60km.
    Enrico fino a quando non fece il primo raduno allo Stelvio era uno che non andava oltre i 50km da casa sua al Muraglione, guarda ora che orribile mostro di mototurista é diventato.
    A proposito di concessionari che non ritirano le moto che loro stessi ti hanno venduto, io ora guido una BMW perche alla ducati non si ripresero la ST4 per una ST3, la storia si ripete.

    RispondiElimina
  8. Un commento alle foto sopra: avete notato la millona con il monobraccio cantilever? :-(((
    Il forcellone in alluminio di serie evidentemente non era abbastanza cooool

    RispondiElimina
  9. Ma non è che il forcellone della Millona si svita e si apre in due come una cozza per facilitare la manutenzione? :-) Sarebbe parecchio cUl!

    I chilometri da casa mia al Muraglione sono ben 62. E la figliola di Giovanni è come il vino: più invecchia e più migliora. Vista ieri, purtroppo non in moto, purtroppo passando non per svago... ma è un'altra storia.

    Ciao nonno... :-)

    RispondiElimina