sabato 13 giugno 2009

TT ad Assen

Ad Assen erano tante anche le TT, presenti in varie tipologie e cilindrate, piu o meno artigianali, piu o meno aderenti alle originali, ma tutte interessanti.


Questa mi ha colpito per la presenza, sul carburatore del cilindro orizzontale, del il kit per girare la vaschetta di 90° e montarlo verticalmente in modo da usare un collettore piu rettilineo. Una modifica che si vede spesso sulle Aermacchi da corsa.



Una bellissima special F1 Racing, costruita su un telaio di ultimo tipo con la sospensione posteriore full-floater presa da una 888, forcella M1R e ruote Marvic.
Un Pantah con telaio Verlicchi regolarmente circolante.


Ed infine una F1 Montjuich perfettamente originale, se non per la particolarità delle Marvic monolitiche in magnesio da 16" e 18" al posto delle originali scomponibili entrambe da 16".

8 commenti:

  1. Non sarebbe stato brutto esserci... peccato.

    Cause di forza maggiore, ma magari ci si organizza per l'anno prossimo...

    RispondiElimina
  2. Che spettacolo...la F1, poi...amo quella moto!

    RispondiElimina
  3. Eppure è un ferro vecchio...

    RispondiElimina
  4. Per me queste Ducati sono la ma
    espressione della motocicletta sportiva italiana.Unione perfetta tra essenzialità,grinta,stile
    racing purissimo,originalità e una dose di
    artigiana preparazione da officina racing.
    Non parlerei di design ma di stile,una forma che nasce da esigenze strettamente funzionali
    e che si mostra purissima....quasi un miracolo.
    Nel concetto design invece,lo styling in una
    certa parte(più o meno),crea linee che sono
    fine a se stesse,estetiche,evocative,
    ..sono quindi nate in uno studio,per quanto creativo esso sia.Prendiamo ad esempio
    la ss 1000:bella ma leziosa,alata,disegnata
    pensando al vento che la lambisce in corsa...
    Guardate la TT F1 racing nera opaca quì sopra,
    come il sacro e il profano.
    Esiste una terza possibilità:la Honda RC 30....
    ma è un'altra storia,vi ho già tediato abbastanza! Ciao a tutti

    RispondiElimina
  5. Perché mi nomini la RC30?

    Vuoi davvero vedermi piangere come un bambino? :-)

    RispondiElimina
  6. Pietro,
    quello che dici sulle forme dettate dalla funzione é un discorso per nulla banale di cui abbiamo discusso a non finire anche su altre sedi. Mi fa piacere che qualcun altro la pensi come me. Puretroppo sono parole che se rivolte a persone meno "sfigate" di noi finiscono nel vuoto.

    RispondiElimina
  7. Marc, el Desmo-Resistente belga17 giugno 2009 14:03

    @Sauro : siamo ben d'accordo.
    A proposito, ti chiamano sul Desmoblog :-))

    RispondiElimina
  8. Ciao Marc, ovviamente hai capito a cosa mi riferivo.
    Gli attuali argomenti del Desmoblog non mi interessano (sarà colpa della stagioni che non sono piu quelle di una volta), ma anche se non fosse così starei fuori lo stesso. Anche se ogni tanto qualcuno mi tira in ballo piu per sfottere che per altro :-))

    RispondiElimina