sabato 20 giugno 2009

L' inizio

Tutto ha inizio a fine luglio con una frase:- Ma porcozio, se entro il compimento del mio 40esimo compleanno non torno in moto a girare in pista, chiudo per sempre con le moto, appendo il casco al chiodo e vado a dare lo smalto ai criceti. Mio cognato che passava di li diretto al bagno sente e esordisce con:- Io butto via il mio CBR, se lo vuoi te. Io, che per mantenere i miei propositi dovevo sopperire alla mancanza di moto e di neuri, rispondo urlando un SIIIII, che qualcuno nella valle se tende bene l'orecchio sente ancora un'eco. Siamo a metà luglio, la moto è arrivata nel garage, ed ho iniziato a alleggerirla. Trovo una giornata di prove libere a magione una settimana prima del mio compleanno, è fatta, niente smalto ai criceti.
La giornata in pista è memorabile, una veloce messa a punto del "porcaio" e via in pista.
Sono l'ombra del giovane che correva in moto AAAANNI prima, anzi, l'ombra andava molto meglio di me.
In compenso faccio la conoscienza di "Lalla" una stupenda (per non dire bellisima) ragazza che corre nel campionato Supertwins, e il suo compagno Livio che corre nelle storiche Gr5 e Endurance. Parlando del più e del meno Livio mi fa notare i pregi dell'Endurance moto storiche: costi abbordabili, in quanto puoi dividere le spese con i membri dell'equipaggio, tanto divertimento, molte ragazze.
Una settimana dopo, durante la festa di
compleanno racconto a Superpantah, che per brevità d'ora in poi chiameremo Sauro, di Magione e di "Lalla", una ragazza stupenda, per non dire...ecc. ecc. e del campionato Endurance descrivendo con molta enfasi i pregi, sottolineando quelli riferiti alle molte ragazze. Lui mi ascolta con molto interesse, e noto un cambiamento nei suoi occhi. Alla fine del racconto entrambi abbiamo uno strano sorriso sul volto, qualcosa sul genere sono gay e ti ho sempre amato. Ci giriamo e cerchiamo il solito sguardo nelle nostre compagne, ma invano, loro non sono omosessuali (forse). A fine festa abbiamo le idee chiare, noi parteciperemo al campionato, con un Pantah. Seguono svariate ore di trattative, leggi suppliche , con le nostre rispettive compagne, leggi aguzzine. Finite le"trattative", mi attacco al telefono e chiamo alessandro, il miglior "trovatoredipezzidiqualsiasimoto" dell' area romano-laziale-italiana con contatti anche in europa, e nel tempo record di una bevuta di cappuccino mi trova un telaio Pantah. Dopo una settimana io e Sauro siamo in macchina diretti a Brescia nell'antro oscuro e meraviglioso di Ezio Piceni. Per tutti coloro che conoscono Ezio, sanno gia che meraviglie ci sono nel suo garage, per gli altri.......prrr.
Ezio ci accoglie come se fossimo amici a sempre, ci mostra i suoi gioielli e iniziamo a parlare dei motori ducati. Io da buon
motorista ascolto Ezio, e il bello è che lui ascolta me, e ci scambiamo idee e consigli su come tirare fuori cavalli dai motori Pantah. Tengo a precisare che i consigli sono quelli di Ezio, mentre le idee sono le mia. Dopo tanto parlare ecco che spunta fuori il TELAIO, noi lo guardiamo lo "ammiriamo"; quello è il nostro Telaio.L'avventura dell' Armata PANTAHLEONE ha inizio

Nessun commento:

Posta un commento