lunedì 25 maggio 2009

Black Saxon



Come ho accennato ad Assen non c'erano solo Ducati.... e chi segue questo blog sa gia che certe moto mi piacciono particolarmente.
http://superpantah.blogspot.com/2009/02/saxon-laverda.html

6 commenti:

  1. Minchia che bella!!!

    Non avrà le ruote Astralite, ma fa sempre la sua porca figura! Chissà però con quell'avantreno strano com'è da guidare... io senza forcella tradizionale non mi fido mica... :-)))

    RispondiElimina
  2. Forcella a parte, certo che mi fa uno strano effetto vedere un telaio in culla chiusa su una moto sportiva... Specie in via di estinzione :-)))
    E pensare che quando ero giovane non c'era che quello... E in tubi quadri.. Essì, a pensarci bene le mode (mode?) c'erano anche allora. :-)

    RispondiElimina
  3. Ragazzi, ho sbagliato anche il titolo vista l'ora tarda e voi non mi dite nulla!!!!!!!!!!!
    Ok l'importante é che me ne sia accorto.

    Commentavo ieri sera che pagherei per farci un giretto, tra l'altro é una bella rarità, almeno da quanto ho letto in giro di Saxon Laverda ne hanno fatte davvero pochine.

    Fabio, hai ragione, é strano, il motore Laverda ha gli attacchi messi proprio in basso ( e su silent-clock), si vedono nella foto, e non era possibile, o comunque utile, montarlo su un telaio a culla aperta, infatti anche i telai Harris per questo motore erano a doppia culla chiusa, nonostante in quegli anni esistessero gia dei bei esempi di tralicci tipo TT2.
    Notate l'attacco con eccentrico regolabile per il braccio della sospensione, é tipico delle Saxon, ed é in bella vista anche sulle successive motorizzate Triumph con telaio a traliccio in alluminio (ce n'é una bellissima in Italia).

    RispondiElimina
  4. silent-block .... oggi sono dislessico

    RispondiElimina
  5. Complimenti ragazzi!Questi sono lavori che,
    al di là dei risultati sportivi,fanno davvero
    onore alla passione alla creatività.Giù il cappello! Ora che ci penso sett.scorsa in officina da "Voronoff"a Milano ho visto un 1000
    Jota con telaio inglese(Harris?)da endurance
    in restauro...però il 3 di Breganze ai tempi mi
    aveva un poco deluso:forse ci aspettavamo un iradiddio ed invece fu si un buon motore ma non molto di più.......Che ne dite?

    RispondiElimina
  6. Pietro, io non ho mai provato una Laverda di quel periodo, l'unica che ho mai guidato é stata la 750SF degli anni 90 a Vallelunga nel '97 in occasione di Motolandia (ma feci molti giri), e mi piacque molto la ciclistica e un po' meno il motore.

    RispondiElimina