martedì 14 aprile 2009

SIAMO AMICI UNO O DUE???


Comprare una moto nuova è un po'come cambiare fidanzata...
Quella con cui stavi da un paio di anni ormai la conoscevi come le tue tasche: uno sguardo e sapevi già tutto. Conoscevi i suoi pregi e anche i suoi difetti, e per un bel po' ti eri ripetuto che i primi compensavano abbondantemente i secondi. Poi invece con il passare del tempo la convivenza spesso diventa sopportazione, e non apprezzi più le cose positive come all'inizio; in compenso quelle negative ti diventano insopportabili. Fin quando lasci la fidanzata e te ne cerchi un'altra, sperando che le cose migliorino. Ricominciare da capo in ogni caso dà sempre una nuova spinta, e con la moto è un po'la stessa cosa.
La mia Kappa è in garage da un paio di settimane, e per un bel po'di giorni ci siamo studiati attentamente a vicenda. Io la guardavo con l'occhio strano di chi, abituato magari a donne piccole e minute, da un giorno all'altro si trova una stanga da un metro e settanta con due pere così (ma questo non è successo...). Lei dal canto suo credo abbia avuto per un po'pena del mio modo impacciato di spostarla in garage, e tuttora sopporta mal volentieri il momento di andare a nanna. Domenica scorsa in Consuma è stato il primo vero momento di conoscenza, ma due gomme gonfie come canotti e un paio di amici particolarmente in palla mi avevano un po'demoralizzato. Forse avevo preteso troppo, tutto e subito. Come quando alla prima sera che esci con una e pensi che te la dia al volo...
Questo fine settimana pasquale è stato invece molto utile per approfondire una conoscenza. Due giri in Chiantigiana praticamente fotocopiati (sarò monotono... ma come la Chiantigiana c'è solo la Chiantigiana!): domenica con Cigolla su Effequattro e un collega della Manuela sua fidanzata su Zetasettemmezzo, e oggi da solo.
Domenica sentivo un po'di pressione. Con Cigolla da quindici anni ogni uscita è un gran premio: mi ricordo ancora la staccata "sull'ombra" al ponticino del Carbonile, salendo al Muraglione. Lui staccava forte... io cercavo tutte le volte di fregarlo... e lui una volta che ero già dentro mollò i freni e mancò poco che ci si ritrovasse tutti e due a pranzo da Spartaco sotto al ponte. I tempi però sono cambiati, siamo invecchiati e magari un minimo di cervello s'è messo anche noi. In ogni caso ieri mattina passo svelto, e ho visto che sia sul veloce che sullo stretto tengo botta; mi trovo meglio sul veloce perché la moto è probabilmente più portata per quel tipo di "tracciato", ma anche sullo stretto ci sto prendendo un po'la mano. E poi in uscita dal tornante che immette sul salitone ho visto finalmente cosa può fare il mio motore: 11000 giri in un secondo, e la lancetta che segnava i 190! Paura! La mattina ha purtroppo avuto un inconveniente poco piacevole dato che la mia nuova moto è stata già "battezzata": una folata di vento e un cavalletto probabilmente non stabilissimo me l'hanno tirata per terra. Fortunatamente i danni sono stati praticamente nulli dato che il tampone salvatelaio in plastica ha fatto egregiamente il suo lavoro: non s'è nemmeno rotta la freccia! La leva frizione un po'piegata me la ha sistemata velocemente Massimiliano (alias Cigolla) a casa sua e praticamente non si vede nulla. Gran lavoro, grazie!
In ogni caso anche questo episodio, visto l'esito incredibilmente fortunato, ha in qualche modo contribuito a "rompere il ghiaccio": poteva succedere (la SL ne sa qualcosa) ed è successo. Non abbiamo litigato e anzi a fine giornata di lunedi posso dire che sì... inizio a capirci un minimo e ad apprezzarla un sacco, questa moto. Questa moto che ti fa andare un bel po' forte senza impegnarti in modo esagerato, e che poi ti porta in giro per la campagna in sesta a cinquanta all'ora e anche meno senza una minima incertezza.
Stamattina invece ho fatto un giretto da solo. Passo tranquillo, anche di più. Ho avuto modo di rendermi conto della comodità delle sospensioni tarate elettronicamente dall'ESA: le piazzi su Comfort e vai sul velluto... e sul velluto ho passeggiato per un bel po', stamani. Poi trovi un bimbetto su ZX6R marmittato&portanumerato che vuol fare lo sborone salendo su da Piazza verso Castellina... pigi il bottone per tornare su Normal... e con una paciosa moto da turismo gli fai un culo come una capanna.
Sì... lo so che non si devono rubare le caramelle ai bambini.

19 commenti:

  1. Ciao Enrico.. Complimenti gran bel post! per quanto riguarda l'aver battezzato la moto: ti capisco in quanto anche a me dopo una settimana che la avevo portata a casa, mentre la stavo lucidando, mi è caduta da ferma, con tanto di leva del freno piegata e para candela graffiato.. mi si era fermato il cuore.. Non ho mai fatto il percorso nel quale sei stato tu a provare la tua moto, ma spero presto di poter venire a conoscerlo! Il 19 e il 25 aprile, noi Cesena Bikers saremo impegnati in due motoraduni.. Se te e Sauro siete interessati, contattatemi che ci si accorda per vedersi..
    Un salutone!
    Enrico

    RispondiElimina
  2. Grazie Enrico!

    Magari ci si becca il 25 aprile... anche se il raduno in Basilicata che organizza l'amico Donato mi invoglia ancora! :-)

    RispondiElimina
  3. Ti piace vincere facile ! :-))))

    cmq un consiglio , il cavalletto vive di vita propria , quando posteggi la moto lascia sempre la marcia ;-)

    Le Bmw sono delle gran moto e molto efficienti , ma ancora non mi trasmettono nulla , preferisco un cancello con mille difetti ma che da altre sensazioni .

    RispondiElimina
  4. Si,personalmente la penso come Rocket68.
    Non è la prestazione assoluta a dare gioia e
    gusto,ma la qualità della sensazioni.E allora si apre il mondo delle "motociclette",e un pò
    meno quello delle auto a due ruote.Però è anche
    vero che le moto bisogna guidarle per sapere:
    non ho mai guidato un BMW,quindi leggo con molto interessele impressioni di chi,come Enrico,lo fa.
    Permettimi però Enrico di essere in disaccordo su una cosa:
    190Km/h su strada statale? No grazie,la festa
    è altrove. ciao ragazzi,polso d'acciaio in guanto di velluto!

    RispondiElimina
  5. Rocket... Pietro... anche io ero diffidente, quando Sauro prese la prima K/S.

    Ora che ce l'ho posso dire con cognizione di causa che tra queste moto e "auto a due ruote" c'è una bella differenza. Le sensazioni sono tutt'altro che automobilistiche: leggermente diverse da quelle di una moto con ciclistica tradizionale ma tutto meno che banali. I 190 su strada statale sono una cosa che uno fa una volta per provare, ma sicuramente non la norma; d'altra parte la passeggiata a 50/60 all'ora in sesta senza bisogno di scalare mai una marcia e con le sospensioni comode e morbidone per effetto di un pulsante sul blocchetto elettrico è una cosa "diversa" che un vecchio cancello come quello che anche io ho ancora in garage dà in modo differente. Diciamo che una cosa non esclude l'altra, giusto per far incazzare tutti quelli che mi davano del vecchio retrogrado. :-)

    RispondiElimina
  6. Si, certi ferri finche non ci stai sopra dai 10 ai 12 metri non puoi capire cosa danno e come vanno.
    Secondo me non bisogna mai farsi ingannare dalle apparenze, secondo la mia esperienza queste motozzappatrici tedesche hanno molto piu carattere di tante fighette supersportive giapponesi, e purtroppo anche di tante italiane.
    A priori non mi emozionava piu di tanto nemmeno la vecchia ST4, ma poi ci ho fatto sopra tantissimi chilometri con valanghe di soddisfazioni ... e di bilancieri, ma nulla é perfetto si sa.

    RispondiElimina
  7. Enrico, un vero piacere leggerti.
    A parte che può accadere che esci con una la prima sera e te la dà...basta pagare... :-)))
    Tornando semiseri, mi sto accorgendo sempre di più di essere attratto da moto "comode"...sarà la vecchiaia...
    In tutti i casi, dalle tue parole traspare un nemmeno troppo lento innamoramento per la tua nuova compagna. Ed è bello leggerlo, davvero bello. Dato che ci siamo sempre beccati l'etichetta di "talebani", forse le cose non stanno proprio così.

    Fabio

    RispondiElimina
  8. Grazie per i complimenti, Fabio... e come sempre grazie per la visita che ci fai.

    In effetti sentirmi dare del vecchio bacucco per il solo fatto che non mi piacciono le nuove Ducati fatte all'ufficio marketing piuttosto che all'ufficio progettazione non mi è mai andato giù. E tuttora (non che me ne freghi qualcosa...) qualcuno si chiede e mi chiede dove stia la mia coerenza nel parlare male delle complicate Ducati di oggi se poi mi vado a comprare un sofisticato giocattolo come quello che mi sono messo in garage. Boh... :-)

    Comunque... vai a provarla, la F!

    RispondiElimina
  9. Eh...mi sa che una prova me la andrò a fare. E ti dirò di più. In una concessionaria a Ferrara noleggiano moto e tra le moto da noleggiare c'è anche la KTM SMT, completa di borse....
    Sono molto molto tentato.........

    RispondiElimina
  10. Ma mi sa che la SMT qualche concessionaria KTM ce l'ha sicuramente in prova, sai? Domenica prossima c'è l'Orange Day e la SMT è una delle moto "di copertina". Dai un'occhiata qui:

    http://www.ktm.it/KTM-News.223.10.html?nodeID=106088&cHash=adbf107a02

    Buona prova!

    RispondiElimina
  11. Enrico....già prenotata :-)
    E se domenica fa brutto mi hanno detto che posso provarla anche durante la settimana... :-)

    RispondiElimina
  12. Enrico, l'aggettivo "perfetto" per il Pantah non va per niente bene. E' riduttivo.

    Fabio, non penserai mica di abbandonare la buona vecchia SS. :-))

    RispondiElimina
  13. Sauro...se riesco, e sarebbe comunque un grosso sfrozo economico per me, vorrei affiancarla, non abbandonarla. La SS è qualcosa di...non so come descriverlo...intimamente diverso, mi viene da dire.
    Per cui, farò alcune valutazioni ma mi piacerebbe affiancare qualcosa di meno affaticante per i miei malanni; non mi dispiacerebbe una F800S/ST oppure (e qui Enrico inorridisce...) una Multi.
    Si vedrà. Per il momento la SS non si tocca :-)

    RispondiElimina
  14. Fabio... che ti posso dire?

    Io con il Multi ho avuto una esperienza piacevole a livello di sensazioni di guida (per quanto risultasse fin troppo facile e quindi nemmeno completamente appagante da guidare ad andature anche molto allegre) ma decisamente disastrosa dal punto di vista delle beghe riscontrate. Ho cambiato marca anche per non volermi e non potermi permettere una moto dai costi di esercizio così esagerati. Tornassi indietro, sicuramente comprerei una F800 come era al tempo nelle mie prime intenzioni: cambiai idea praticamente all'ultimo momento.

    Trovo anche io molto bella la SMT; la cifra è diversa da quella necessaria per una F, ma davvero è una gran moto. Le uniche perplessità da parte mia riguardano consumi (pare che il bicilindrico KTM sia un gran motore, ma che sia uno dei più assetati in circolazione) e costo e frequenza dei tagliandi. Per il mio chilometraggio annuo medio queste sono voci impossibili da tralasciare nella scelta di una moto. Dei consumi del Kappa per adesso non mi lamento: forse qualcosina più del Multi, ma nemmeno sono sicuro...

    Quanto alla SS... sono d'accordo con te. Ci sono moto da cui non si riesce a separarsi, per le ragioni più varie e personali. Se per te la SS è "la" moto... tienila senza dubbio, anche a costo di qualche sacrificio. E poi è l'ultima Ducati prodotta prima del disastro...

    RispondiElimina
  15. Ah... per quello che so la F800 consuma meno di uno scUterone. Parlano di 20 chilometri con un litro!

    RispondiElimina
  16. Enrico, ho letto anche io di quei limiti di KTM...e non nego che il mio volerla provare è più per capire se quelle sensazioni piacevoli che ho avuto staticamente a EICMA corrispondevano poi ad un effettivo piacere anche dinamico. Oggi come oggi, tra la cifra della moto e il suo mantenimento, difficilmente ce la farei.
    Una F800, anche usata, ecco...magari con qualche sacrificio, lì ci arrivo.
    E magari anche alla Multi...
    Vedremo.
    Intanto, come al solito, ti ringrazio per i tuoi consigli: sei sempre un ottimo interlocutore :-)

    RispondiElimina
  17. E allora Fabio vai e provala, questa F800! E' un bel po'che ne hai voglia... :-)

    Quanto alla SMT, credo che ti lascerebbe più o meno come sono rimasto io con la K1300, ovvero con quella sensazione di "bello e impossibile" che fa tanto giannananninideibeitempiandati. L'avrei voluta tantissimo, ma mi sarei messo in una spesa esagerata per le mie tasche; in qualche maniera avrei fatto, ma davvero mi sarei messo nei guai. La 1200 che ho preso alla fine ha tutto quello che "per me" avrebbe avuto la 1300, e mi ha fatto spendere 6000 euro in meno.

    Ogni volta che ci salgo sono più contento della scelta che ho fatto. Stamattina sono uscito anche se aveva smesso da poco di piovere e la strada era ancora bagnata. Sospensioni su Comfort... motore sonnecchiante sui 3000 e anche meno... cambio a 2 marce (terza per i tornanti e sesta per tutto il resto!)... mi sono goduto una passeggiata quanto una tirata col coltello fra i denti.

    E con la 1300 dubito che me la sarei potuta godere ancora di più...

    RispondiElimina
  18. le caramelle ai bambini non si tolgono a patto che il bimbo non sia presuntuoso,altrimenti è legittimo!!!
    Ciao Enrico auguri per la tua nuova cavalcatura,la "quattropassi" si è svolta il 25 aprile come ti avevo scritto ed è stata bellissima, sono venuti un po di amici "Elefanti Italiani" circa una ventina da ogni parte d'Italia, tipo Aosta,friuli,veneto,toscana,emilia,romagna,
    lecce,uno dalla svizzera,ed altri,il mio non è un raduno ma una motopasseggiata per stare insieme a chi condivide la stessa "benedetta" passione,oltre a far scoprira la nostra bella Lucania, i partecipanti sono stati un centinaio è io sono soddisfatto,non ti ho mandato una ulteriore e-mail in quanto non ti ho voluto mettere in difficoltè con la tua quota rosa ....ma quando vuoi/volete venire non ci sono problemi in qualunque momento sono qui, lo fanno in tanti che mi telefonano e io organizzo 2/3 giorni. ti ho conservato una maglietta dell'evento forse è un poco grande è una xl non ho fatto in tempo a prendere una
    m/l vuol di che se metti qualche chiletto ti va bene,se vuoi, mi mandi il tuo indirizzo e te la spedisco,fammi sapere tu.ciao donato

    RispondiElimina