martedì 24 marzo 2009

COME UNA DONNACCIA...

Giusto ieri ho avuto occasione di entrare in contatto con un nuovo appassionato amico, conosciuto su motoblog discutendo del nuovo ipotetico Pantah disegnato da Oberdan Bezzi (che tra l'altro ieri mi ha contattato per mostrarmelo sul suo blog...). Diceva di essere in possesso di un Pantah un po'particolare, dotato di carena Cagiva 500 da corsa, serbatoio in alluminio MHR e scarichi Conti; impossibile resistere alla tentazione di sapere qualcosa di più su un simile minestrone... se no che sfigato sono? :-)




Gli ho lasciato la mia mail e lui prontamente mi ha mandato qualche foto corredata da un bel racconto su questo Pantah e soprattutto sulla sua amata Guzzi Le Mans, che come da sua stessa ammissione gli è costata quanto un appartamento ma che gli ha dato tante e tante soddisfazioni. Il Pantah gli è stato in realtà lasciato in eredità da un amico scomparso per malattia, e lui dopo averlo usato per un paio d'anni oggi giustamente lo custodisce come un ricordo prezioso... non mi sento di chiedergli di più, ma solo di attestargli la mia stima anche per aver fondato il motoclub Giacinto Cerviere in onore di un amico che non c'è più. Tra l'altro ho scoperto visitando i due siti http://www.motoclubgiacintocerviere.com/ e http://www.motoclubcerviere.it/ che si tratta di un club tutt'altro che alla buona: tra l'altro ho letto che organizzano il motoraduno Internazionale "La Taranta", e non escluderei una visita. Chiederò all'amico Donato maggiori informazioni in merito...


Tornando appunto a lui (classe 1954!), oggi è tra l'altro possessore della sua terza Ducati ST (135000 chilometri in totale!!!)... chissà se la prossima moto sarà una Stritfaiter o cambierà Marca... :-)

Ma veniamo alla vera protagonista di questo racconto: la sua Guzzi 850 LeMans del 1980.




Lascerei direttamente alle sue parole la presentazione di questa moto e soprattutto della storia che li lega da ormai quasi trent'anni:
"Il Le Mans lo ho comprato nel 1980 a maggio, dopo due Laverda 750, una Ducati Scrambler 450 e una B.M.W 500. La moto all'epoca era quanto di meglio ci fosse sul mercato, per via del suo telaio (uguale al V7 sport), della frenata integrale, e anche come velocità non era male; inoltre era carenata. Dopo un anno decido di elaborare il motore e la concessionaria mi consiglia Duilio Agostini (di Mandello del Lario: il collaudatore della mitica 8 cilindri, tra l'altro vincitore di 2 Milano-Taranto), che però all'epoca non voleva farmela in quanto lavorava solo con i tedeschi che pagavano bene; dopo tante telefonate mi ha detto di sì ma più per togliermi dalle palle che per convinzione. Smonto il motore e lo porto a Mandello del Lario dove mi cambiano cilindri, pistoni, bielle lucidate, valvole maggiorate, lucidatura aspirazione/scarico, carburatori da 40 con pompa di ripresa, asse a camme P3, distribuzione ingranaggi della primaria in ergal al posto della catena(per avere la fasatura più precisa) volano in ergal dal peso di Kg. 3,750 contro i 7,150 dell'originale, molle valvole Porsche. Compro sempre da Duilio carenatura in vtr, scarichi Lanfranconi uso racing, sella monoposto ( che poi è un posto e mezzo,sulla foto dove c'è il n° 1 quel pezzo lo costruito io in vtr) pedane arretrate, coppa olio motore maggiorata e forata che funge anche da raffreddamento olio, credo di aver messo tutto. Ritorno a casa e monto il motore; la differenza è esagerata, c'è un problema la moto guadagna 1500 giri e non li sviluppa in velocità massima ma in accelerazione è un dragster. Telefono a Duilio che mi consiglia di montare la coppia conica 8/35 in luogo del 7/33; approfittando che mi sposo vado in viaggio di nozze a Venezia e passo da lui che mi dà la coppia conica e per la verità me la monta pure in quanto va spessorata, proseguo il mio viaggio in Spagna ma col pensiero alla mia moto. Al ritorno monto il tutto e la moto VOLA, il motore era passato da 844 a 948,questo motore è stato il più affidabile in quanto ci ho fatto 60.000 Km circa. Dopo un poco mi è venuto il pallino della doppia accensione e così smonto facco i buchi li filetto e due bobine della Panda mi vengono in soccorso; il risultato è stupefacente gira come un tre cilindri neanche i guzzisti più incalliti ci credevano di come prendeva i giri. Con tanto ben di Dio la frenata non era più all'altezza e allora dischi totalmente flottanti, tubi in treccia, pasticche morbide e tolto la frenata integrale; tutto bene: questa costosa modifica risolve il problema. La stupidità umana è che uno non si accontenta mai... allora lo voglio fare 1036 la cilindrata massima però occorre cambiare basamento, cilindri, pistoni e teste che difatti sono quadre mentre quelle originali sono tonde... ah, vai, visto che mi trovo cambio il blocco cambio con uno corsa D.D. ( denti dritti ) che assorbe meno potenza. Questo è veramente un gran salto, potenza e coppia si sprecano la moto va da Dio: pensa che col cambio corsa la moto fa i 126 km. in prima marcia... il mio amico con 851 metteva la terza quando io mettevo la seconda, poi il resto delle marce era ravvicinato. Adesso mi tocca fare il gradasso che d'altronte non è il mio forte ma ti posso garantire che nessuna moto era all'altezza,quante jappo hanno pianto ma assai assai! Io sono del sud e spesso eravamo a fare il Gargano... ma fermiamoci qui. Ho rotto almeno una decina di motori ( spezzate tante bielle, grippaggi, valvole storte a kili e tanto altro ancora) ma le soddisfazioni che mi ha dato questa moto e come mi ha svenato economicamente questa, non l'ho ha fatto mai nessuna. Proprio come una donnaccia."


Nient'altro che la mia stima e i miei ringraziamenti a Donato per un racconto del genere... e voi che ne pensate?


16 commenti:

  1. Cosa ne penso? Penso che una parte di me, intimanente (ma neppure troppo....) ti invidia.
    Invidia il tuo mettere in pratica la tua passione, invidia le emozioni che hai provato...
    Intendiamoci, invidia nel senso buono, eh! :-)
    Un pò per questioni economiche, un pò per pigrizia mentale (e fisica....), sono meno portato alla messa in pratica di certe elaborazioni. Ma ti capisco, eccome se ti capisco.
    Io ho goduto con la mia solo per aver cambiato un cupolino!!! :-)
    In tutti i modi, grazie Donato....un altro pezzo di passione qui.

    Fabio

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  6. Tornando al post.
    Donato, complimenti per le moto e per il racconto. :-))

    RispondiElimina
  7. Si infatti.. Chiedo scusa a Superpantah per avere divagato.. Complimenti sinceri a Donato per moto e per quanto scritto..
    Enrico

    RispondiElimina
  8. Enrico, nessun problema, le divagazioni sono sempre ammesse, spesso gradite, ma mi dispiace rovinare un post bello come questo con commenti che non hanno nulla a che fare con il motociclismo, quindi torno a parlare di moto.
    Ho visitato i due link dei siti segnalati da Enrico e rinnovo i complimenti e la mia ammirazione per la passione di Donato, che ringrazio per averla condivisa con noi.

    RispondiElimina
  9. Hai pienamente ragione Sauro! Hai fatto bene.. Un post come questo e soprattutto una Guzzi del genere, ottenuta con lavoro, soldi e passione, merita ben altro!!
    Rinnovo i complimenti a voi e a Donato!

    RispondiElimina
  10. Non ho ancora visto i link pubblicati. Lo faro' presto.
    Faccio i miei complimenti ad Enrico per la passione e la "follia" bonariamente parlando.
    Che "donna" di piacere deve essere quel Guzzi!

    Passione motociclistica, maledetta passione. Avessi qualche soldo di piu'..o forse due figlie, magari anche la moglie di meno...mi piacerebbe giocarci con il mio Gilera!

    Fabio...cambiare un cupolino????? Io ho goduto domenica perche' ho risistemato il filtro aria al Gilera, oliandolo e rimettendolo in sede senza troppi casini!

    Solo una domanda....Ma con l'omologazione del Guzzi su strada, come la mettiamo?????????????

    Eh Eh Eh!!!!
    Marco Villa.

    RispondiElimina
  11. Uso un altro post per due motivi:
    Primo: Mi scuso se mi pubblico come anonimo e poi firmo i post, ma mettendo il mio nome e URL non mi permette di pubblicare i post.

    Secondo: Rifaccio i miei complimenti piu' sinceri a Sauro per quello che sta pubblicando sul suo Blog.
    Mi piacerebbe vedere un Desmoblog con ANCHE questi argomenti......

    Marco.

    RispondiElimina
  12. grazie ragazzi siete fantastici e motivati vi auguro a tutti voi di avere tante soddisfazioni dalla vita, per rispondere a anonimo per l'omlogazione non ho fatto nulla... pensavo a consumare quanta più benzina potessi spesso additivata con octane booster ciao a tutti. Donato.
    un particolare saluto ad Enrico che mi ha dato la possibilità di conoscere il vs. sito.

    RispondiElimina
  13. Bella storia!Mi pacerebbe sentire
    il suono che fa questo motore! Grazie

    RispondiElimina
  14. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  15. Ciao,
    ho cambiato il banner dei guard rail assassini. L'ho fatto migliorare da un amico che fa il grafico ed adesso sto avvisando tutti coloro che già lo espongono di questa modifica.
    Tra l'altro in questi giorni lo pubblicheranno anche in una famosa rivista di moto.
    Ciao e alla prossima...

    RispondiElimina
  16. Grazie dell'avviso Willy, appena ho tempo lo sostituisco.
    Ciao

    RispondiElimina