mercoledì 18 marzo 2009

SS 350 Junior



Abbiamo un nuovo amico e sostenitore amante delle belle moto "pure e raffinate". Ha chiesto di poter essere uno dei nostri, ed io oltre all'ovvia risposta affermativa ne ho approfittato per farmi raccontare della sua storia d'amore con una bellissima SS Junior del '92, moto che io considero una fra le piu belle SS di sempre.
Vi riporto il suo racconto pari pari come me l'ha inviato:

“Questa moto l'ho ritirata a ottobre 2004 da Ducati Arezzo.Prezzo 2000 euri,16.000 Km,moto con montato kit gio ca moto pistoni ad alta compressione da 82mm (in origine 67mm) e relativi
cilindri.Secondo loro era in perfette condizioni appena tagliandata,tutta da godere.Ritiro la moto e parto verso casa,un viaggio Arezzo Milano via la Spezia quasi tutto su statali:dovrebbe essere una gioia ma....
si rivela quasi un calvario.La moto,bellissima,è un disastro: Gomme piatte e scalinate,sterzo bulinato,motore incapace di scendere sotto i 3000'senza spegnersi,erogazione pessima,tiro esplosivo dopo i
7000' e vuoto sotto,frizione che slitta a ogni cambio di marcia.Solo la passione e la bellezza estetica della moto evitano di gettarmi nella sconforto...
Telefono alla Ducati Arezzo:mi dicono che la moto è un modello spinto ed è normale che sia scorbutica,se non ne vuole sapere di partire è perchè a Milano fa freddo,se si spegne sotto i 3000' è perchè l'impianto di
scarico è quello di serie sottodimensionato.Mi cascano le braccia,mi ritiro nel più assoluto silenzio,poi telefono in Ducati a Porgo Panigale:" Socc...mell".Non sanno che pesci prendere sino a che una gentile
impiegata mi suggerisce di contattare un certo " Ducati Motosport Montagna MTM" di Cornedo Vicentino! Lo chiamo e improvvisamente ritrovo il sorriso.Dopo una settimana sono a Cornedo Vicentino,con la moto sul carrello che non ne vuol più sapere neanche di partire,neanche a spinta giù per la rampa del box.E,si,a Milano fa proprio un gran freddo........
Il buon Montagna mi riceve,studia la moto,mi accudisce,si capisce che sa il fatto suo,e inoltre,ho la netta sensazione che lui alla mia Ducati gli voglia proprio bene!
Morale.Dopo due mesi ritiro la moto.Spesa 2000 euro.Lavori eseguiti:-sostituzione olio forcella e taratura
- sostituzione cuscinetto sterzo
- sostituzione leve al manubrio con altre regolabili
- sostituzione manopole
- sostituzione bobine
- sostituzione centralina,era montata la famigerata Ducati performance 3.2 buona per i motori da corsa con rendimento ottimale
da 6000' in su.....con la centralina di serie Kokusan 1.1
- sostituzione olio motore con Agip Racing tutto sintetico 30-50
- montaggio Kit Dynojet step 2 personalizzato al mio 540 e carburazione
- montaggio filtri aria K&N
- registrazione valvole desmo
- sostituzione completa dischi frizione,ne mancavano due,qualche deficiente li aveva tolti per alleggerire il carico sulla leva,risultato che
è stato anche necessario rettificare l'albero di scorrimento dello spinidisco.Inoltre sostituite le molle con altre con carico maggiorato.
- montaggio radiatore olio Ducati Performance
Messa a punto del tutto.
Prima di tornare a casa mi faccio un giro sugli altopiani vicentini:una goduria.Agile,precisa,immediata nella guida non è però una delle tante guidafacile,bisogna impostare bene,lavorare di cambio,decisi e fluidi Lei
ricambia con un crescendo di sensazioni molto eccitanti,anche antiche.
Da allora è stato sempre un godere,la moto è affidabile,tira che è un piacere e sul misto con due michelin pilot power sa dire la sua contro le jap,roba da non credere !!!!!!!
Il consumo è piuttosto basso,sui 18/20 Km al litro e sui 13 spremendo il piccolo desmo.Si prendono bene i 9500'e anche qualcosina di più,ma la caratteristica più eccitante di questo piccolo V2
è la rabbia ai medio alti,dai 5000' ai 9000' del resto si tratta di un superquadro 82x51...negli anni successivi solo modifiche più contenute:scarico 2 in 1 dedicato della Termignoni con collettori da 40mm compositi
e molle di ritenuta in titalio,DB Killer asportabile,poi trasmissione finale tutta nuova con catena RK a passo 520 pignone 14 e corona da 38 (in origine il 350 monta il 46..)Ho visto i 200 sulla MI BO una notte!
E infine...spoiler aerodinamico direttamente arrivato dai piloti del TT ,introvabile in Italia se non da chi so io........eh eh eh!
la moto adesso è ferma con il cuscinetto post.della ruota da sostituire ma presto sarà pronta alla nuova stagione !!!!!!!!”

Grazie Pietro :-)))

16 commenti:

  1. Essì...grazie Pietro.
    Grazie perchè ci hai reso partecipi di un fatto inequivocabile e importante: la moto è passione prima di tutto.
    Passione per noi che la guidiamo, passione che si eleva in modo esponenziale quando troviamo qualcuno con cui condividere ciò che proviamo.
    Non è mai una somma ma sempre un'elevazione a potenza.
    E quando poi troviamo in chi ci accudisce la nosta beneamata la stessa passione, lo stesso fuoco sacro...è qualcosa di piacevolmente intimo e irraggiungibile.

    Per tutto il resto c'è Mastercard.

    Saluti

    RispondiElimina
  2. Marc el Desmo-Resistente belga19 marzo 2009 09:49

    Altra Superpantah :-)
    http://www.radicalducati.com/index.php?page=pantah-900-montjuich

    E viva la Demo-Resistencia

    RispondiElimina
  3. Raffinata, antica, sospesa in altri mondi, visioni, esplosioni, la SS junior Ducati di Pietro, è un omaggio alla bellezza, all'arte, a tutta la passione che fa smuovere oscuri stati della coscienza, dell'esperienza viva e diretta del 'viaggio'..mezzo-via per ricordare chi siamo..Grazie Pietro per l'omaggio!
    Stefy

    RispondiElimina
  4. Si Marc, la conoscevo la super Pantah 900 di Pepo, una sua bellissima creazione, mi pare di aver letto che ora é diventata qualcosa di diverso.

    Fabio, Stefy, i vostri commenti mi inducono a pensare che questo é il genere di post che vorrei sempre postare.

    RispondiElimina
  5. moto stupenda e storia davvero bella e interessante! :)

    RispondiElimina
  6. Sauro, ebbene sì, questi sono i post che preferisco. Assieme a quelli inerenti a meccanica e/o trasformazioni.
    Li preferisco perchè capisco di trovare risposte alle mie domande mai (o mal) poste.
    Mi piaceva il Desmoblog all'inizio perchè ritrovavo questo spirito.
    Ora.....lasciamo perdere.
    A 43 anni mi rendo conto di essere stanco delle futili e sterili polemiche e di voler vivere, anzi no, cercare di capire le emozioni.
    E qui posso farlo; nei racconti di Pietro, nelle foto dei tuoi lavori, nelle parole di Stefy.
    Qui, in questo angolo di orto per la mia passione. E va bene così.

    Fabio

    RispondiElimina
  7. Spero di trovare sempre belle storie da raccontare.
    :-))

    RispondiElimina
  8. Soprattutto sarebbe bello che tutti i motociclisti avessero il rispetto e l'amore di Pietro per le moto "di una volta". Molti Ducatisti una SS350 non la ritengono nemmeno degna del nome che porta sul serbatoio: per l'esigua dotazione di cavalli e soprattutto per il fatto di essere ormai un ferro vecchio molto poco figo. Poi sono a volte quelli che ti vedono passare su una Ducati di una volta e ti testimoniano ammirazione. Ma ammirazione per cosa? Per aver avuto la voglia di spendere 2000 euro in una moto così di merda, gli leggeresti in faccia. Spesso ci sono soggetti che "vogliono ma non possono" perché Ducati costa troppo, e allora ti viene da chiederti se questi soggetti ritengano le vecchie ed economiche SS degne del proprio nome...

    RispondiElimina
  9. La meccanica serva se sostenuta da uno spirito in quiete, in movimento verso l'oscuro-ignoto che ci appartiene. A che serve una superbike, un motore, una potenza se il 'driver' non è capace di 'vivere', come dice Fabio, emozioni e stati profondi? Il 'viaggio', quello vero, che fa battere il cuore, che tende nervi, corpo, sensi, è smarrirsi per poi ritrovarsi, senza preoccuparsi della meta.. perseguire con amore e passione il 'viaggio' di sempre, quello dell'uomo e della conoscenza..grazie a voi, adoro le Ducati! Ciao, Stefy

    RispondiElimina
  10. Esatto Stefy... Il viaggio poco ha a che fare con i cavalli, la potenza, forcelloni mono-bi-tribraccio...
    In un qualsiasi viaggio in moto, di 1 o 100 giorni, c'è in fondo il ricercare noi stessi, la nostra fanciullezza attraverso il nostro giocattolo preferito, che è solo nostro.
    E attraverso esso tornare a provare a vedere con occhi diversi tutto quello che ci circonda, con la voglia ancora di meraviglia.
    E tutto questo non si misura in cavalli alla ruota...

    Fabio

    RispondiElimina
  11. Urca, era un po' che non leggevo questo blog. Mi posso unire ai complimenti per questo Post di Pietro.

    Gran bella moto. Questo (e non solo questo) vuol dire amare le moto.

    Complimenti anche a Superpantah per averlo pubblicato.

    Marco Villa

    RispondiElimina
  12. Grazie a te, Sauro. E' un po' che non scrivo sul tuo blog, e che non ci si sente anche via mail, ma tra famiglia e lavoro son sempre incasinatissimo.

    Faccio fatica anche a seguire (e non c'e' molto da scrivere, a dire il vero) anche il Desmoblog.

    Marco.

    RispondiElimina
  13. Salve ragazzi complimentoni e W la piccola ducatina!! ne ho una da più di 10anni e la adoro!! trovate qualcosa sul mio blog (ultimamente poco aggiornato) http://motomotaro.splinder.com/

    ma sapete dove si possono trovare mauali d'uso della piccola SS??

    Nicola

    RispondiElimina
  14. Ciao Nicola,
    bel blog il tuo, complimenti davvero. Tra l'altro, piccola coincidenza, pochi giorni fa parlavo con Enrico proprio dei box della Targa Florio a proposito di un'eventuale viaggetto in Sicilia.
    Ciao.

    RispondiElimina
  15. Salve ragazzi,
    che passione questa piccola Desmo (D maiuscola), io ne ho comperata una a Dicembre 2008, in configurazione 540cc, carene cruciata, pinza freno posteriore rovesciata con puntone di reazione, scarico artigianale camuffato da originale. La moto andava e va gran bene, io ho montato pompe freno e frizione Brembo serie oro, tubi freno in kevlar, doppio disco, filtro sportivo. Ho avuto problemi di candele, ora monto le Iridium e sembra tutto ok, qualche problemino al minimo che ogni tanto non tiene. L'idea del radiatore mi era balenata in testa ma al momento ho lasciato perdere. La rapportatura è 15/41, e già così sembra d'avere in mano una moto da trial. I 200 si vedono con comodo. Confermo che non è una 'guidafacile', il telaio è vecchio stile. La guardano tutti con stupore, chi direbbe mai che ha 20 anni una moto del genere...solo il faro tradisce l'età.
    Lamps
    Dario

    RispondiElimina