venerdì 14 novembre 2008

C.E.S.F.T.






Cari blogger,
un po' di tempo fa é nata per scherzo, discutendo di meccanica, moto ,forcelloni, sul Desmoblog, una iniziativa benefica senza scopo di lucro atta a far si che la bella meccanica possa tornare a far da padrona sulle motociclette italiche.
Lo scopo é quello di promuovere la ricerca della purezza meccanica, vorremmo cercare di far tornare in mente agli appassionati che una volta le moto erano costruite pensando prima di tutto a farle funzionare. La bellezza estetica era poi una conseguenza naturale di questa ricerca della massima funzionalità con la minima complicazione.
Il massimo simbolo di questa filosofia costruttiva e progettuale secondo me (e molti altri) fu il geniale Ing. Fabio Taglioni.
Il massimo simbolo della moderna tendenza a fare esattamente l'opposto secondo me é il forcellone monobraccio. Un male dilagante, inventato anni fa con scopi allora sinceri di miglioramento, ha preso poi piede e per molti addetti allo sviluppo dei nuovi prodotti é diventato indispensabile per far si che una moto sia un prodotto di consumo fashion, cool, reduce to the max, e chi piu ne ha piu ne metta.

Questa iniziativa si chiama Comitato Europeo Salvaguardia Forcelloni Tradizionali.
La prima riunuine si é tenuta in Germania il 2 Giugno 2008 presso il mitico circuito del Nurburgring, ed eravamo presenti in tre, due italiani (Sauro che sarei io ed Enrico presidente del C.E.S.F.T) e a rappresentare il Belgio il nostro amico Marc Poels, giornalista e grande esperto della storia Ducati nonche presidente del club Ducati Sud Belgio. (http://www.ducati-sud-belgio.be/).
Recentemente si é aggiunto alla compagnia a rappresentare la Spagna il mitico Pepo Rosell di Radical Ducati (http://www.radicalducati.com/), esperto meccanico e creatore di motociclette eccezionali con i motori bolognesi.

Questo neonato blog nasce con l'intento di parlare di belle moto, in particolare belle Ducati, di raccontare storie, fatti, esperienze. Poi andando avanti si vedrà.

Viva la Desmoresistencia!!!!!!!!!!!!

27 commenti:

  1. IO CI SONO
    ANTHONY.

    RispondiElimina
  2. Grazie Anthony.
    Mi fa piacere di essere riuscito a farti capire cosa mi frullava in testa.
    Ciao

    RispondiElimina
  3. Eccomi...

    Allora... da Presidente di questo Sfigato Comitato, penso di poter dettare qualche minima regola di comportamento:

    1) La parola SFIGATO è tollerata e anzi bene accetta per definire chiunque non sia così cul e fescion da desiderare una Stritfaiter. A differenza di quello che succede da qualche altra parte.

    2) Bene accette le segnalazioni, da parte di chiunque, di qualunque motocicletta a forma di motocicletta.

    3) A differenza di quel che succede da qualche altra parte qui i leccaculo non piacciono tantissimo e li si chiama con il loro nome, ovvero appunto leccaculo.

    4) Il linguaggio volgare è tollerato e ben accetto. Birrone gelato e rutto libero.

    4.1) Ci si può scaccolare con i diti. A patto di non se li ciucciare dopo.

    RispondiElimina
  4. Ciao ciao ma ve' chi c'è ! Sono Roberto (65TL)
    Per rimanere in tema, io sto pensando di segare il forcellone dell' ST, voglio modificare il sistema di tiro catena che quello che c'è mi ha sempre fatto cagare (quì si può dire no?)quindi non sicuro del successo che avrò vi chiedo se avete per le mani un forcellone ST2 nel caso che....

    RispondiElimina
  5. sauro il pianeta moto è un universo cosi sconfinato che merita di essere vissuto senza pregiudizi...ho sempre ascoltato con profondo interesse chi ha davvero qualcosa da dire... anche perche' penso di voler imparare e vedere molto.... speriamo che le nostre passioni abbiano sempre di che alimentarsi, a dio piacendo......

    anthonyuccio

    RispondiElimina
  6. Benarrivati a tutti!

    Roberto... le parolacce si possono dire, sì. E sono ben tollerate anche poco fini scozzate manuali, quando necessarie.

    Solo una cosa, se potete: quando postate un commento credo ci sia la possibilità di inserire il proprio nome o nick, in basso prima della pubblicazione... se vi va...

    E poi se non vi va, qui non vi butta fuori nessuno lo stesso! :-)

    RispondiElimina
  7. Eccomi, come membre fundatore del C.E.S.F.T, non potevo essere assento di questo blog, dove sono sicuro si trovare qualche Sfigatone ;-)
    Marc il Belga del Club dei +e+

    RispondiElimina
  8. Salve a tutti.
    Roberto, no mi dispiace non ho un forcellone ST2. ma che modifiche hai in mente?
    Ciao

    RispondiElimina
  9. Ciao Sauro.
    Come dicevo il sistema di tiraggio catena dell'st2 non mi piace, quando si tira il dado il lamierino del piffero piegato a 90°si gira, si torce, mi segna il forcellone, si muove il perno,il nonio si fatica a vederlo...insomma devo sempre ripetere l' operazione più volte, non mi piace.
    Vorrei tagliare un forcellone, innestare nella parte terminale un sistema (da me disegnato) simile a quello del 999 prima serie, parte mobile scorrevole su binario con una rotella di registro provvista di filettature contrapposte dx e sx in maniera che la parte mobile risulti sempre ben vincolata alla parte fissa anche in fase di aggiustamento.
    Chiaro...o no ?
    Domanda : secondo te un forcellone st4s in al si monta sull'st2....lo sto chedendo a tutti, Marc dice di si, tu che ne dici ?

    Ciao e grazie ..bello il sito !
    Roberto

    RispondiElimina
  10. Io NON riesco a postare se non in anonimo, sarò rinco ?

    Ah, l' orologio non và bene..è un po' indietro.

    Rinco 65 TL

    RispondiElimina
  11. Roberto, prova a registrarti vedrai che poi appare il nome.
    Questione forcelloni: secondo me quello dell'ST4s lo monti tranquillamente come dice Marc.
    Io il problema delle piastrine l'avevo risolto sull'st4 rifacendole in alluminio dal pieno con doppio bordo sopra e sotto e finestrella centrale per il nonio, non giravano piu, e la registrazioneera precisa, se le ritrovo tele mando se vuoi.
    L'ora ora va bene?
    Ciao

    RispondiElimina
  12. Marc il Sfigatone18 novembre 2008 19:13

    Si, sono sicuro que il forcellone della ST4s puo montarsi sulla ST2 : c'era la possibilità di comprarli su DucatiPerformance

    RispondiElimina
  13. Salve eretici.

    Sauro alle piastrine col doppio bordo ci avevo già pensato, ma è una soluzione troppo semplice per uno al quale piace complicarsi la vita come me, poi come farei a passare l' inverno in garage ?

    Grazie Marc grazie Sauro, ora mi darò da fare per trovare un forcellone ST4S.

    Sauro, se le trovi , nel frattempo le prendo volentieri le tue piastrine, non spedirmele, faccio un giretto in moto a FI....quale migliore scusa !

    Ciao Roberto

    RispondiElimina
  14. saluti superpantah

    viva la resistanza francese di pantah

    http://www.clubcaferacer.com/photos-de-vos-pantah-f1/mon-pantah-750-t2.htm

    ciao

    patrick

    RispondiElimina
  15. Ciao Patrik, e complimenti per le tue moto.

    RispondiElimina
  16. Ciao ragazzi,posso essere dei vostri?Ho un
    Ducati ss 350 junior HF del'92"tirato al burro"
    con kit Gio.Ca.Moto a 540cc,Dynojet,radiatore olio,finale in ergal con passo 520 14x38,2in1Termignoni collettori da 40mm.
    Amo le moto pure e raffinate.
    la mia mail: onesti.pietro@sea-aeroportimilano.it Grazie!

    RispondiElimina
  17. Ciao Pietro,
    sei gia uno dei nostri :-)))

    RispondiElimina
  18. Possiedo una Cagiva Alazzurra completamente modificata. Sono alla ricerca di pezzi per poter montare un forcellone posteriore si da rimuovere i due ammortizzatori.Sapete consigliarmi un produttore di tali forcelloni?Come posso iscrivermi al vs blog? Il mio indirizzo email e' macmarco70@yahoo.it - Grazie

    RispondiElimina
  19. Benvenuto Marco,
    grazie di seguirci.
    Ciao

    RispondiElimina
  20. Benvenuto anche da me, Marco!

    Sono sicuro che Sauro ti ha già scritto in privato per darti i giusti consigli... quanto all'iscrizione al blog, ci fa ovviamente molto piacere: basta che tu clicchi sul tasto "Segui" sulla destra della schermata, dove sono elencati i lettori fissi.

    Grazie per l'interesse!

    RispondiElimina
  21. Tutto questo vi fà onore.
    Chiedo di potermi aggregare.
    Nicola

    RispondiElimina
  22. Grazie Nicola, e benvenuto.
    Sei già dei nostri in quanto non facciamo nessun tipo di tesseramento o roba del genere.
    Se vuoi puoi registrarti su google ed aggiungerti alla lista dei lettori fissi.
    Grazie ancora e ciao.

    RispondiElimina
  23. Come posso fare per avere una vostra maglietta?
    Grazie.
    Nicola

    RispondiElimina
  24. Nicola,
    purtroppo al momento non é possibilie perchè sono finite, ma ho intenzione di rifarle, appena saranno disponibili vedrai sicuramente un post dedicato.
    Grazie di seguirci.
    Ciao

    RispondiElimina
  25. Grazie anche da parte mia... e ci farà piacere farti avere una maglietta della terza edizione non appena ci verrà l'ispirazione giusta (leggi: "quando ci muoveremo") per farle... :-)

    Benvenuto!

    RispondiElimina
  26. Salve a tutti.

    Volevo inviare alcune foto della mia Alazzurra che mi segue da ormai 15 anni. Dopo un recente restyling sono riuscito a montare cerchi da 17 ed un avantreno con steli rovesciati.
    Come posso fare ad iscrivermi a questo blog?
    Inoltre, visto che con le gomme sono fuorilegge e cercavo consigli su come riuscire ad aggirare tale problema .

    Saluti

    Marco (macmarco70@yahoo.it)

    RispondiElimina
  27. Allora... come prima cosa benvenuto. Per iscriverti come lettore fisso credo tu debba cliccare sull'apposito logo in alto a destra e poi seguire le istruzioni: il sistema ti dovrebbe far creare un account google o twitter (se non ce l'hai già) e con quello ti identificherà in seguito, in modo che tu possa inserire commenti sui post senza dover inserire il tuo nome volta per volta.

    Detto questo, passiamo alle cose serie: una Alazzurra con le ruote da 17 e una forcella apsaiddàun è sicuramente un ferro interessante: il più competente in materia è sicuramente Sauro, ma puoi mandare qualche foto anche a me, se ti fa piacere. L'indirizzo è enricodei@interfree.it

    Quanto al rendere legale la modifica alle misure delle gomme, qui non siamo certo esperti... ma credo tu possa informarti presso la sezione italiana del tuv, il centro omologazioni tedesco: su www.tuv.it trovi alcuni contatti e tutte le sedi italiane. Ma a dirti la verità dubito che riuscirai a risolvere...

    Aspetto una mail con le foto e un po'di storia della moto!

    RispondiElimina